Sisma, continuano i lavori all'Archivio di Stato: è il più antico d'Italia

Nonostante i danni subiti all'edificio, il suo personale si è adoperato comunque per fornire tutte le pratiche ai tecnici impegnati nelle valutazioni post-sisma. Chiusura fino a settembre

Dovrà restare ancora chiuso per diversi mesi l'Archivio di Stato di Modena danneggiato seriamente dal terremoto della scorsa primavera.

Primo ad essere istituito dopo l'Unità d'Italia, il suo patrimonio di documenti - oltre 200 fondi suddivisi in 94 locali all'interno di un edificio di 8.500 metri quadrati - è uno dei più ricchi d'Europa. Non a caso, nonostante i danni subiti all'edificio, il suo personale si è adoperato comunque per fornire tutte le pratiche ai tecnici impegnati nelle valutazioni post-sisma.

Le scosse di terremoto del 20 e del 29 maggio hanno danneggiato, in particolare, l'entrata, le scale di accesso, la biblioteca, gli uffici direzionali affrescati, l'archivio notarile e giudiziario, il salone delle mappe e tutti gli uffici al primo piano. La ristrutturazione, già iniziata, ha costretto alla chiusura almeno fino a settembre di tutti i servizi al pubblico. (ANSA)

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Rapina con siringa al distributore, intercettato e arrestato dai Carabinieri

    • Cronaca

      Vandali al Meucci di Carpi, già completate le prime riparazioni

    • Cronaca

      Bosco in fiamme a Frassinoro, elicottero antincendio in azione

    • Politica

      Trivellazioni nella Bassa, i Comuni si riuniscono per dire no

    I più letti della settimana

    • Camion invade la corsia opposta, un morto a Modena Nord

    • Schianto spaventoso contro un camion, muore un 36enne di Vignola

    • Nuovo incidente tra camion in A1, ferito un camionista

    • Grigliata di pasquetta finisce in rissa, due contendenti all'ospedale

    • Scontro con un pick-up, centauro perde la vita sul Canaletto

    • Sanità, tutte le nuove cure gratuite introdotte negli ospedali della regione

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento