Reti nel bosco per catturare uccelli, cacciatore denunciato

Scoperto e deferito dalla Polizia provinciale un uomo che aveva costruito un impianto fuori legge nella zona di Roccapelago. Gli uccelli sarebbero serviti come richiami per la caccia

A Pievepelago gli agenti della Polizia provinciale hanno denunciato un cittadino per il reato di uccellagione tramite l'installazione ai margini di un bosco tra S.Annapelago e Roccapelago di una rete lunga 20 metri e alta due metri e mezzo allo scopo di catturare uccelli vivi. 

Nella serata di giovedì 9 febbraio, il presunto responsabile, ha raggiunto l’installazione, probabilmente per controllare la presenza di animali impigliati, ma è stato fermato e denunciato dagli agenti della Polizia provinciale che si erano appostati in zona, dopo diversi e pazienti sopralluoghi.

La rete, del tipo “mist-net", era praticamente una trappola per catturare vivi  gli uccelli e destinarli molto probabilmente all'utilizzo come richiami vivi per la caccia. Tutta l’attrezzatura è stata sequestrata ed è stata inviata informativa di reato alla Procura. In base alla legge sulla caccia, l'uccellagione è punita con una ammenda fino a oltre 2.000  euro

La Polizia provinciale è impegnata da tempo nel tentativo di scongiurare queste catture illecite alle quali possono essere connessi altri tipi di reato come la detenzione di specie animali protette e il maltrattamento di animali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Furto in casa a Vignola, setacciati i "compro oro" e denunciata una ragazza

  • Meteo | Un venerdì difficile tra pioggia, neve e rischio gelicidio

  • Neve su tutta la provincia, viabilità a rilento. Spargisale sulle strade provinciali

Torna su
ModenaToday è in caricamento