Profumi e cellulari tarocchi, fermati in Autosole e denunciati due truffatori

Due giovani campani sono finiti nei guai, dopo che la Polizia Stradale di Modena li ha trovati in possesso di grossolane imitazioni di profumi di grandi marche e di più sofisticate copie di smartphone Apple e Samsung

Chamele n.5, Bulcari, Cucci, Dance&Gabrien, Hugo Boos, Acqua di Cio. Qualcuno comprerebbe mai una confezione di profumo, esternamente del tutto identica all'originale, ma con questi assurdi marchi stampati sopra? Per la legge della domanda e dell'offerta, a quanto pare la risposta è sì, dal momento che qualcuno vende a caro prezzo queste improbabili imitazioni.

È quello che hanno scoperto gli agenti della Polizia Stradale lo scorso fine settimana, quando una pattuglia della sottosezione Modena Nord ha fermato due persone a bordo di un'auto, trovati in possesso di una ventina di queste strane confezioni di profumo. Secondo quanto appurato dai poliziotti, i due personaggi fermati sarebbero truffatori – o venditori estrosi, se preferite, che viaggiano in lungo e in largo per l'Italia, facendo tappa nelle aree di servizio autostradale per cercare di vendere i loro prodotti.

Oltre ai profumi palesemente tarocchi, i due sono stati trovati in possesso di altra merce contraffatta, questa volta in maniera decisamente più efficace. Si tratta di smartphone Apple e Samsung di ultimissima generazione, molto simili agli originali nella confezione e nell'aspetto esteriore del dispositivo, ma con "un'anima" che nulla ha a che vedere con i costosi prodotti iPhone e Galaxy. I telefoni, perfettamente funzionanti, sono in realtà macchine basilari, costruite a basso costo probabilmente in Cina. Discorso analogo vale per i profumi, le cui boccette contengono un liquido volatile pressochè neutro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo che l'auto è stata fermata e perquisita presso l'area di servizio Secchia Est, tutto il materiale trovato a bordo è stato sequestrato, insieme ad un falso scontrino che sarebbe servito a mostrare ai clienti come i prodotti fossero stati acquistati regolarmente in stock, per giustificare così il basso costo. Ad essere denunciati a piede libero sono stati un 30enne ed un 28enne, entrambi originari del napoletano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

Torna su
ModenaToday è in caricamento