Lutto per la ceramica: morto l'imprenditore Filippo Marazzi

Cavaliere del lavoro dal presidente della Repubblica, si è spento la scorsa notte all'età di 63 anni nella sua abitazione. Era al timone dell'azienda di famiglia dai primi anni '80

Si è spento la scorsa notte all'età di 63 anni Filippo Marazzi, presidente di Marazzi Group, una delle più grandi aziende ceramiche del distretto di Sassuolo. Marazzi è stato l'artefice della crescita dell'azienda fondata dal nonno nel 1935. Dall'inizio degli anni '80, dopo aver assunto il controllo dell'azienda a seguito della morte del padre Pietro, Filippo Marazzi ha avviato il processo di internazionalizzazione del gruppo con l'apertura di aziende collegate in Spagna e Stati Uniti. Nel giugno 1995, era stato nominato Cavaliere del lavoro dal presidente della Repubblica. Il gruppo Marazzi, attivo nel design, produzione e commercializzazione di piastrelle di ceramica e gres per pavimenti e rivestimenti, con sedi produttive in Italia, Stati Uniti, Russia, Francia e Spagna, impiega oltre 6.000 dipendenti e raggiunge oltre 14.500 punti di vendita in più di 130 Paesi.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Blitz notturno nello stabile abbandonato, sgomberati due abusivi a Torrenova

  • Cronaca

    Tre chili di hashish nascosti nella portiera dell'auto, pluripregiudicato in manette

  • Cronaca

    Ruba il cellulare ad un autista in sosta, arrestato in via Emilia

  • Cronaca

    Vandali bucano le gomme di auto private e mezzi della Protezione Civile

I più letti della settimana

  • Ferrari, per i lavoratori di Maranello nuovo premio fino a 5.500 euro

  • Attentato razzista a casa Kyenge? No, è solo l'epilogo di una lite fra vicini

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Assente dal lavoro da giorni, trovato in fin di vita in casa

  • Rapina alla Coop, in manette pochi giorni dopo l'ultima denuncia

  • Escono senza pagare il conto, bloccati dalla Municipale e accompagnati a saldare il debito

Torna su
ModenaToday è in caricamento