Fiorano Modenese, donato mezzo per il trasporto disabili

Acquistato grazie a Mgg (Mobilità gratuita garantita) e con il contributo di aziende locali, il mezzo servirà per il trasporto di persone svantaggiate. L'assessore Bonilauri: "Opportunità preziosissima per dare risposte a un numero sempre più alto di richieste"

mezzoavf2Stamattina presso la sede dell’Avf in via Cameazzo (di fronte alla Ceramica Lea) si è tenuta la cerimonia di consegna di un Fiat Doblò per il trasporto di persone in difficoltà. Il mezzo è stato acquistato grazie all’iniziativa messa in campo da Mgg Italia (Mobilità gratuita garantita), supportata dal Comune di Fiorano Modenese, assessorato alle politiche sociali.

 
Mgg Italia (Mobilità Gratuita Garantita) è una società specializzata nella fornitura di mezzi per la mobilità di persone con limitate abilità motorie. I mezzi Mgg vengono comprati autofinanziando l’acquisto con inserzioni pubblicitarie sulla carrozzeria: in questo modo viene garantita alle aziende
inserzioniste una presenza pubblicitaria importante e un valido ritorno di immagine, mentre gli enti beneficiari possono usufruire dei mezzi Mgg Italia in comodato d'uso gratuito.
 
L’idea di utilizzare la pubblicità affissa sulla carrozzeria di automezzi, adeguatamente attrezzati per il trasporto di persone svantaggiate, per finanziare l'acquisto degli stessi a favore dei beneficiari è già stata accolta in tutta Italia da Servizi Sociali dei Comuni, USSL/ASL e altre pubbliche amministrazioni.
 
“La collaborazione tra Mgg, Amministrazione e aziende è attiva già da alcuni anni ed è stata un’esperienza più che positiva tanto da spingerci a riproporla una seconda volta”, spiega l’assessore alle politiche sociali Maria Paola Bonilauri. “Infatti, la possibilità di disporre di un mezzo attrezzato per il trasporto di persone con difficoltà di movimento è un’opportunità preziosissima che permette di dare risposta ad un numero sempre più elevato di richieste. E’ doveroso riconoscere ed apprezzare l’impegno delle aziende e la disponibilità dei volontari che, anche in questo caso, contribuiscono a disegnare i tratti di una rete di sussidiarietà sempre più necessaria a delineare la fisionomia di un territorio socialmente responsabile che è poi la grande sfida per garantire la tenuta del welfare nel prossimo futuro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro alle porte di Pavullo, muore in auto un ragazzo di 19 anni

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Carnevale 2020, tutti gli appuntamenti di Modena e provincia

  • Manovre scorrette alla guida, parte la campagna di controlli della Municipale

  • Richiesta di concordato preventivo per la Goldoni Arbos, scatta lo sciopero

  • Rientrato il 29enne di Finale Emilia, ricerche sospese

Torna su
ModenaToday è in caricamento