Deruba un altro paziente ricoverato nel suo reparto, denunciata una 35enne

I Carabinieri sono dovuti intervenire presso l'Ospedale di Baggiovara, dove un degente straniero era stato derubato di una discreta somma di denaro. Incastrata una donna ricoverata accanto a lui

Nella mattina di ieri i Carabinieri della stazione di Modena San Damaso, su segnalazione dei responsabili del reparto Diagnosi e Cura dell'Ospedale di Baggiovara, sono dovuti intervenire presso il reparto, dove uno dei degenti aveva subito il furto del denaro che custodiva. I militari arrivati sul posto hanno immediatamente ascoltato la vittima, un trentenne di origine nigeriana, da poco ricoverato, che ha lamentato la sparizione di una discreta somma di denaro che custodiva nel suo portafogli.

Considerata la gravità del fatto, avvenuto all'interno di una struttura che accoglie persone in condizioni di salute particolari e quindi da considerare vittime vulnerabili, sin da subito sono state avviate le indagini che hanno consentito in poco tempo di accertare la dinamica dei fatti e identificare la responsabile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' stata così smascherata una donna 35enne ricoverata nello stesso reparto, che nella notte per ben due volte aveva cercato di impossessarsi del portafoglio del malcapitato, alla fine riuscendoci. Sono ancora in corso accertamenti per capire se la donna ha agito da sola o con la complicità di altri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus. Modena rallenta, ma si aggiungono 10 decessi

  • E' positiva al virus ma esce in bicicletta, denunciata a Modena una 47enne

  • Famiglia senza più soldi, dopo l'annuncio in tv la spesa arriva a casa

  • Contagio. Nuovi positivi in regione, oggi +713. Altri 88 decessi

  • Buoni spesa, a Modena fino a 500 euro a famiglia. Domande da lunedì

  • Coronavirus, in Emilia-Romagna 608 positivi e 75 decessi in più

Torna su
ModenaToday è in caricamento