Aci Modena, Giorgio Montorsi è il nuovo presidente

Il neo presidente successore del recentemente scomparso Angelo Orlandi ricopriva già la carica di Vice ed è all’interno del Consiglio Direttivo dell’Ente modenese da parecchi anni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

Il Consiglio Direttivo dell’Automobile Club Modena, riunito d’urgenza in seduta straordinaria, ha eletto, all’unanimità, Giorgio Montorsi alla carica di Presidente, quale successore dell’ Ing. Angelo Orlandi, scomparso alla fine di marzoIl neo presidente ricopriva già la carica di Vice ed è all’interno del Consiglio Direttivo dell’Ente modenese da parecchi anni. Imprenditore di lunga data, impegnato specialmente nel settore alimentare, è Presidente della Toschi Vignola fin dalla sua fondazione. Amante delle auto storiche, socio del Circolo della Biella, in gioventù si è cimentato in gare di regolarità.

“Essere chiamato a succedere alla presidenza dell’Automobile Club Modena è un incarico impegnativo ma stimolante. Angelo Orlandi non era solo il “Presidente”, era una persona che mi onorava della sua amicizia da lunga data. La sua presidenza di un Ente pubblico è sempre stata esemplare sia per la dedizione verso l’ACI, sia per lo sviluppo delle iniziative a favore degli automobilisti, sia per una gestione economica oculata che non ha mai avuto bisogno di sovvenzioni pubbliche da parte dello Stato. L’Automobile Club Modena ha sempre vissuto al servizio dell’automobilista grazie alle proprie professionalità; da Modena sono nate, e si sono sviluppate, iniziative che oggi sono il cardine dell’attività a livello nazionale. Il mio primo passo sarà quello di cercare di mantenere e, se possibile, aumentare il numero di Soci.

In questi momenti bisogna impegnarsi per salvaguardare il livello occupazionale dei nostri dipendenti anche per non disperdere le loro professionalità e perseguire l’equilibrio economico del bilancio. Come lo era per il “Presidente” dobbiamo avere sempre presente l’obiettivo di continuare a seguire i giovani per far sì che abbiano a convivere, da protagonisti, con un livello sempre maggiore di Sicurezza Stradale.”

Torna su
ModenaToday è in caricamento