Immigrazione, inchiesta della Procura sul nuovo gestore del Cie

L'indagine intende fare luce sulle garanzie offerte dal consorzio Oasi di Siracusa, aggiudicatario del bando con una spesa giornaliera di 28,5 euro per ogni persona trattenuta nella struttura, contro i 74,5 della gestione precedente

Come fa ad autosostenersi la gestione del Cie di via Alessandro La Marmora con una spesa giornaliera così bassa? Dopo i sindacati e il direttore precedente, questa domanda se l'è posta anche la Procura di Modena che ha aperto un'inchiesta finalizzata ad approfondire questo aspetto. Come riportato dall'edizione modenese del Resto del Carlino, l'indagine condotta dal sostituto procuratore Marco Nicolini intende fare luce sulle effettive garanzie offerte dal consorzio Oasi di Siracusa, gestore del centro di via La Marmora dal luglio scorso dopo essersi aggiudicato l'appalto. L'Oasi era stato l'unico a presentarsi al bando indetto dal Ministero dell'Interno per la gestione, e aveva ottenuto l'incarico prevedendo una spesa giornaliera di 28,5 euro per ogni cittadino trattenuto nella struttura, contro i 74,5 che venivano spesi dalla Misericordia, il gestore precedente.

PREFETTURA - "La firma del contratto non ha ancora avuto luogo in quanto sono in corso ulteriori accertamenti istruttori". Così è intervenuta la Prefettura di Modena in merito all'inchiesta aperta le scorse ore sulla gestione del Cie di Modena. "L'Oasi è al momento - prosegue una nota - temporaneamente incaricata della esecuzione anticipata del contratto. Ciò si è reso necessario in quanto, secondo le clausole contrattuali, non sarebbe stato possibile prorogare ulteriormente la gestione da parte della Confraternita della Misericordia e si sarebbe dovuto procedere alla temporanea chiusura del Cie". La Prefettura di Modena, infine, precisa che "il nuovo presidente del consorzio, Emanuele Midolo, è subentrato dopo l'aggiudicazione dell'appalto".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Sicuramente appare strano come si possa garantire un servizio (si presuppone di uguale qualità del precedente) ad un costo ridotto ad un terzo. Ben vengano indagini e chiarimenti. Mi preoccuperei più - semmai - di garantire che all'interno non vengano commessi atti illeciti (ospiti e visitatori non importa) e che non si possa evadere tranquillamente come accaduto in altri luoghi. Altro discorso è: ne vale davvero la pena? Qual è la vera utilità di questi centri (ossia: realizzano davvero la finalità originariamente prevista)?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Non rispettati i limiti nell'orario di lavoro degli autisti, guai in vista per Seta

  • Politica

    Alessandra Filippi in Giunta, assessorato per l'ex presidente di Legambiente

  • Economia

    Un inverno d'oro per il comprensorio del Cimone, turisti in crescita del 30%

  • Cronaca

    La borsa schermata la "tradisce", taccheggiatrice in manette all'Extracoop

I più letti della settimana

  • Ferrari, per i lavoratori di Maranello nuovo premio fino a 5.500 euro

  • Attentato razzista a casa Kyenge? No, è solo l'epilogo di una lite fra vicini

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Rapina alla Coop, in manette pochi giorni dopo l'ultima denuncia

  • Ferisce a coltellate la moglie e tenta il suicidio, marito in carcere

  • Escono senza pagare il conto, bloccati dalla Municipale e accompagnati a saldare il debito

Torna su
ModenaToday è in caricamento