Indagine AlmaLaurea, il Rettore Tomasi soddisfatto dei risultati

In relazione alla nota AlmaLaurea che traccia il profilo dei laureati 2010 dell'Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, hanno espresso la loro soddisfazione per i risultati ottenuti il Rettore Aldo Tomasi e dal Delegato d'Ateneo per la Didattica prof. Tommaso Minerva.

“La fotografia che puntualmente ci consegna AlmaLaurea sui laureati conferma in maniera autorevole la buona qualità del nostro Ateneo, specie con riguardo alla sua offerta formativa, che trova espressione nei giudizi più che lusinghieri (92%) della gran parte degli studenti". Così il Rettore Aldo Tomasi sull'ultima indagine AlmaLaurea sugli universitari italiani, un'indagine che promuove gli studenti dell'Ateneo di Modena e Reggio. "Le stesse performance raggiunte dai nostri iscritti - prosegue il Rettore - oltre la metà dei quali consegue la laurea entro la durata canonica del proprio corso di studi (57% tra quelli delle triennali e 59% tra quelli delle magistrali, ovvero del + 2), stanno a testimoniare dell’attenzione che il nostro Ateneo sa prestare alla didattica ed ai servizi di supporto indispensabili (aule, biblioteche, ausili, ecc) per rendere proficua la loro esperienza di studio. Complessivamente, quindi, guardiamo alla fotografia di AlmaLaurea sullo stato di salute del nostro Ateneo come ad giudizio lusinghiero ed incoraggiante che fa premio degli sforzi prodotti in questi anni da parte dei docenti e delle strutture per adeguarci allo spirito della riforma. Unimore si può dire è promossa”.

Sorride anche il Delegato alla Didattica, il prof. Tommaso Minerva: “I dati dell’indagine Almaluarea sui laureati sono particolarmente positivi e incoraggianti - esordisce - Vengono confermate le valutazioni sulla soddisfazione complessiva dei nostri laureati e sulla capacità del nostro Ateneo di portare alla laurea gli studenti in tempi più rapidi rispetto alla media nazionale ed agli altri Atenei della Regione Emilia Romagna: il ritardo medio alla laurea dei laureati triennali Unimore è 0,8 anni rispetto alla durata del corso di studi, mentre a livello nazionale questo ritardo sale a 1,3 anni. Questo anno si aggiungono, poi, altri due note molto positive: un incremento della percentuale di laureati stranieri (4%) molto superiore alla media nazionale (2,8%) e superiore a tutti gli Atenei in Regione (Bologna 3,7%, Parma 2,9%, Ferrara 2,8%) ed una valutazione ai vertici nazionali delle due Facoltà di Ingegneria (primo e secondo posto!!!) in un confronto molto sofisticato sulle performance degli studenti. Questi risultati evidenziano gli effetti positivi delle azioni intraprese negli ultimi anni dal nostro Ateneo sia in termini di politiche per favorire l’internazionalizzazione sia in termini di qualità e rigore nella programmazione e organizzazione didattica e attenzione ai servizi di supporto agli studenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni: Provincia di Modena in linea con la Regione. Via Emilia targata Pd

  • Raro tumore ad una mano, trentenne salvato dalla cooperazione medica tra Modena e Bologna

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

  • Bambina di sei anni precipita dalla seggiovia, paura sul cimone

  • Spaccio e clandestini, chiuso per dieci giorni il bar Nuovo Fiore

  • Regionali. Bonaccini esulta, domani sera festa in Piazza Grande

Torna su
ModenaToday è in caricamento