Nella nuova struttura dell'Istituto Fermi si studierà l'aceto balsamico

Al posto della ex sede dell'Istituto Storico della Resistenza verrà costruita una struttura di ampliamento dell'Istituto Fermi, che conterrà anche l'innovativo laboratorio agroalimentare per lo studio dell'aceto balsamico

All'istituto Fermi di Modena nascerà un polo per il sostegno e la ricerca nel settore agroalimentare. Questo grazie al nuovo laboratorio d'analisi dedicato allo studio delle eccellenze alimentari modenesi, prima fra tutte l’aceto balsamico; sorgerà nell'ampliamento che la Provincia realizzerà a fianco dell'istituto, al posto dell'edificio precedente, che per anni ha ospitato l’Istituto Storico della Resistenza, demolito a causa dei danni dovuti al sisma del 2012.  Nei nuovi spazi sorgeranno otto nuove aule e tre laboratori per dare un’adeguata risposta all’esigenza di spazi per le attività didattiche, per un totale di 200 alunni. In particolare, a supporto del nuovo indirizzo di chimica, biotecnologie e materiali, verrà realizzato, appunto, il laboratorio per le analisi agroalimentari.

L'ampliamento ha un costo di quasi 1 milione e 500 mila euro ai quali contribuirà la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena con 500 mila euro. La nuova struttura a tre piani, sarà collegata all'edificio attuale  al piano terra da un passaggio vetrato ed è dimensionata per poter sostenere il carico di quattro piani fuori terra, così da renderla idonea, in caso di decisione successiva, alla realizzazione di un ulteriore piano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il progetto esecutivo - ha spiegato Pagani, assessore provinciale alle Infrastrutture - è stato approvato e la gara di appalto è prevista entro l'autunno con il via ai lavori all'inizio del 2015 e l'obiettivo di concludere l'opera entro l'avvio del prossimo anno scolastico. Si tratta, inoltre, di un progetto innovativo da punto di vista costruttivo che prevede le massime prestazioni dal punto di vista del consumo energetico e del confort", mentre la preside Zanti ha sottolineato che l'ampliamento: "Rappresenta un'opportunità in più per i ragazzi che intendono scegliere il nostro istituto frequentato adesso da 1.060 studenti».  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venerdì sera, ritorna la movida. Multati sei locali del centro storico

  • Perde il controllo della moto, 21enne muore sulla Nuova Estense

  • Coronavirus, un giorno da ricordare. Nessun nuovo caso e nessun decesso a Modena

  • Contagio, un nuovo caso a Modena. Deceduta una donna di Pavullo

  • Chiude anche la Cornetteria: "Queste regole impediscono di lavorare"

  • Coronavirus, tornano a crescere i casi in regione. "Stiamo testando gli asintomatici"

Torna su
ModenaToday è in caricamento