ItaliaCamp: l'innovazione passa anche per Modena

Aperta per il secondo anno la "call for ideas". Obiettivo? Presentare idee innovative per il futuro del Paese, da realizzare poi con la partnership di aziende sponsor e istituzioni. Per partecipare c'è tempo fino al 16 novembre

Sembra una cosa complicata, questo ItaliaCamp. Sembra solo, però. E prima degli spiegoni tecnici preferiamo usare le parole del modenese Riccardo Caselli, giovanissimo psicologo, che ItaliaCamp (più propriamente, nel nostro caso, EmiliaCamp) ha contribuito a fondarla: “Si tratta di un network, una rete di persone, professionisti del mondo del lavoro, completamente apolitica e no profit, che ha lo scopo di colmare i gap”. I gap, ovvero i divari, quello che manca perché l’ingegno diventi davvero realtà, ovvero, per fare un esempio molto concreto: io professore universitario con i miei studenti immagino e magari brevetto una tecnica nuova di smaltimento rifiuti, ma nessuno la vedrà mai, perché gli atenei non hanno i fondi per produrla o sponsorizzarla. Allora presento il progetto al Call for ideas (letteralmente una grande raccolta di idee) di ItaliaCamp e sono certo che avrà la visibilità che merita e che le più grandi aziende del Paese, ma non solo, avranno la possibilità di vedere cos’ho realizzato, e se lo ritengono, di investire su di me.

ItaliaCamp in buona sostanza si impegna a sviluppare le idee che vincono, fornendo i contatti e la visibilità attraverso gli incontri organizzati in tutta Italia. Il prossimo, il più vicino a noi, sarà a Verona, e raccoglierà le idee di tutti gli abitanti del Nord Italia che intendono proporre un loro progetto al Call for ideas, ma rigorosamente entro il 16 di novembre. L’iscrizione è semplice e avviene attraverso una registrazione al sitohttp://wedo.italiacamp.it/, rispondendo a “C4I” per la regione Emilia Romagna.

Le aree tematiche stabilite dal comitato sono: imprese e lavoro, politica, istituzioni e pubblica amministrazione, ambiente ed energia, infrastrutture, economia e finanza, ricerca e scienza, tecnologia, cultura e sociale. Ai finalisti del concorso sarà offerta l'opportunità di presentare i loro progetti il I dicembre 2012, durante gli “Stati Generali del Centro-Nord” a Verona, ad imprese, istituzioni ed autorevoli decision-makers, nell'ottica di una loro realizzazione. Le due migliori idee selezionate in ogni regione saranno anche inserite all’interno di un’Idea Programma per il Centro-Nord, che ItaliaCamp sottoporrà al Governo.

Esageriamo, direte? Da dove credete che venga l’idea delle srl a costo zero che sono state recentemente approvate dal Governo Monti? Da un giovane iscritto ad ItaliaCamp. Le buone idee fanno girare il mondo, e chissà che qualche modenese non abbia un asso nella manica da sottoporre ai giurati di questo grande network: tra gli altri, infatti, a Verona ci saranno amministratori delegati e presidenti di aziende come ENI, ENEL Green Power, INPS, Poste Italiane, Wind, Sisal, Unipol, Ferrovie dello Stato, RCS, Fondazione Roma nonché i principali atenei e istituzioni. A tutti coloro che avranno le idee vincenti, due per regione, si prospetta un brillante futuro: e allora, tanto vale tentare.

Potrebbe interessarti

  • Le migliori osterie di Modena. Dove gustare la cucina tradizionale

  • Come pulire il box doccia in modo efficace

  • Le migliori piadinerie di Modena

  • Antigravity Pilates: come allenarsi e dove farlo a Modena

I più letti della settimana

  • Grandine e vento si abbattono su Modena, trenta feriti e molti danni

  • Disastro meteo su Modena, parte la conta dei danni. Trenta feriti lievi

  • Grandine in pianura, vigneti e campi di grano devastati

  • Furti con la tecnica dell'abbraccio, caccia ad una ladra a Carpi e dintorni

  • Danni per grandine non coperti da assicurazione, il Comune raccoglie le segnalazioni

  • Viaggia con un'intera camera da letto sul tetto dell’auto, patente ritirata

Torna su
ModenaToday è in caricamento