Itinerari Modenesi | I 4 luoghi da visitare a Castelvetro di Modena

Un borgo particolare che si è meritato negli anni il continuo flusso di turisti. E' uno dei luoghi più romantici della nostra provincia, ma è altrettanto carico di storia, sagre tradizionali e panorami mozzafiato

Un borgo particolare che si è meritato negli anni il continuo flusso di turisti. E' uno dei luoghi più romantici della nostra provincia, ma è altrettanto carico di storia, sagre tradizionali e panorami mozzafiato. Ecco i 4 luoghi da vedere se vi trovate a Castelvetro di Modena:

LA CITTA' DELLE TORRI.  Se tutti conoscono la torre della piazza centrale, il borgo mediovale di Castelvetro ne possiede bene 6. Le torri che potete trovare sono appunto: Torre dell'Orologio, Torre delle Prigioni, Torre degli Arcieri e Antiche Mura, Torrione del Palazzo Comunale, Torre dell'antica chiesa Santi Senesio e il Campanile della nuova chiesa Santi Senesio.

SEDE DELL'ENOTECA REGIONALE. Gli amanti del vino e del piacere culinario lo sanno, ma forse a qualche modenese potrebbe essere sfuggito. Ebbene sì, Castelvetro Rangone è la sede dell'Enoteca Regionale Emilia-Romagna, un luogo che contiene più di 200 etichette emiliano-romagnole, nonché la più ricca e variegata collezione di Lambrusco Grasparossa DOP e Aceto Balsamico Tradizionale DOP. La trovate in via Cialdini 6.

PIAZZA A SCACCHIERA. Sono rare in Italia le piazze a scacchiera mantenute nel tempo così bene come quella di Castelvetro che grazie alla sua importanza ha saputo essere rianimata durante le feste di paese. Si trova al centro del borgo mediovale, nella zona più alta della città. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CHIESA PARROCCHIALE DEI SANTI SENESIO E TEOPOMPO. Una chiesa moderna che è stata costruita all'interno di un edificio antico. Si tratta della chiesa principale del paese che sa ancora racconta nella sua piazza di ciotoli e antiche statue, le cerimonie religiose a cui parteciparono i Rangoni, che un tempo dominavano questa terra. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venerdì sera, ritorna la movida. Multati sei locali del centro storico

  • Perde il controllo della moto, 21enne muore sulla Nuova Estense

  • Coronavirus, un giorno da ricordare. Nessun nuovo caso e nessun decesso a Modena

  • Contagio, un nuovo caso a Modena. Deceduta una donna di Pavullo

  • Chiude anche la Cornetteria: "Queste regole impediscono di lavorare"

  • Coronavirus, tornano a crescere i casi in regione. "Stiamo testando gli asintomatici"

Torna su
ModenaToday è in caricamento