Itinerari Modenesi | Le 5 torri medioevali più belle da vedere in provincia

In epoca mediovale il territorio modenese fu di fondamentale importanza in quanto congiungeva i domini imperiali del nord con quelli del papa a sud. Per questo motivo la provincia è dissemianta di torri, castelli e fortezze, che un tempo furono strategiche nelle guerra tra feudatari

(foto di www.comune.pavullo-nel-frignano.mo.it)

In epoca mediovale il territorio modenese fu di fondamentale importanza in quanto congiungeva i domini imperiali del nord con quelli del papa a sud. Per questo motivo la provincia è dissemianta di torri, castelli e fortezze, che un tempo furono strategiche nelle guerra tra feudatari. Ecco le 5 torri da vedere nella nostra provincia:

CASTELVETRO. E' la cittadina modenese delle torri e ne conta ben 6. Ossia, Torre dell'Orologio, Torre delle Prigioni, Torre degli Arcieri e Antiche Mura, Torrione del Palazzo Comunale, Torre dell'antica chiesa Santi Senesio e il Campanile della nuova chiesa Santi Senesio. La Torre dell'Orologio è la più importante in quanto è l'ultima testimonianza della precedente struttura fortificata che difendeva il borgo di Castelvetro dagli attacchi dei nemici. Oggi è stata ridotta a campanile. 

COSTRIGNANO. E' la torre meglio conservata, infatti presenta ancora  il muro originario con feritoie verticali ed un portale a mensole concave con architrave triangolare. Si trova in località Poggio a pochi chilometri da Frassinoro e in passato fu un centro importante nella guerra tra i feudatari, ma anche nelle contese tra i governatori e i monasteri. 

FANANO. La famosa torre di Fanano posta all'inizio di via Sabbatini ha ospitato importanti figure politiche del Rinascimento, tra cui Cosimo de' Medici durante l'esilio da Firenze del 1433, ma lì venne ricoverato nel 1439 anche papa Eugenio IV. E' stata rialzata due secoli dopo e questo le ha permesso di essere ancora più affascinante agli occhi dei passanti. 

FESTA'. Vicino a Pavullo si trova il piccolo borgo di Festà caratterizzato proprio dalla sua torre che la si riesce a vedere in lontananza. La posizione del borgo a picco sulla Valle del Panaro ne fece in epoca medioevale un'importante roccaforte. Oggi la torre alta 20 metri è stata adibita a campanile, ma il fascino del periodo medioevale è stato ben conservato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

GAIATO. E' la torre perfetta per un film Fantasy. Dispersa nell'asprezza del paesaggio, sopra una rupe scoscesa, la torre di Gaiato conserva la memoria di un oscuro passato. La parte vecchia di Gaiato conta poche case raggruppate intorno alla chiesa, conservando così l'atmosfera medioevale e lasciando alla torre il dominio sul panorama. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 71 nuovi positivi, di cui 48 asintomatici. A Modena focolaio in un prosciuttificio

  • Covid. Altri 18 contagiati nel focolaio del salumificio di Castelnuovo

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Forno rumoroso in centro storico, sequestrati i locali per la produzione

  • Viaggia con la figlia e 32 kg di marijuana in auto, arrestato in A1

Torna su
ModenaToday è in caricamento