Itinerari Modenesi | Un giro nei 7 luoghi del Risorgimento a Modena

Quali sono i luoghi che hanno caratterizzato il Risorgimento italiano a Modena? Ecco un breve viaggio nel centro storico di Modena per rivivere quei momenti che cambiarono per sempre la storia della nostra città e dei modenesi

Modena ha giocato un ruolo da protagonista nel Risorgimento italiano, come abbiamo visto con le origini del tricolore, ma quali sono i luoghi della nostra città che furono protagonisti degli eventi che portarono dal Ducato degli Este al Regno d'Italia? Inizia con questa domanda il nostro itinerario modenese. 

PIAZZA ROMA. E' evidente che questa sia il centro del Risorgimento in Italia perché in questo luogo si trova ancora la sede del precedente sistema di stato, il Palazzo Ducale, da dove i duchi Estensi governavano. Al suo interno troviamo il Museo Storico dell'Accademia e in una sala specifica di questo luogo, cioè il Salone d'Oro, si tenne il Congresso della Repubblica Cispadana. Di fronte al palazzo ducale, al centro della piazza, c'è la statua di Ciro Menotti, uno dei combattenti risorgimentali più importanti della storia italiana, che morì in un colpo di stato contro gli Estensi, che poi fallì. 

VIA SAN GIOVANNI DEL CANTONE. Questo luogo è rimasto alla storia per una vicenda avvenuta la notte del 3 Febbraio 1831, quando sul tetto della Cappella Cesis si trovava Ciro Menotti in fuga dai soldati Estensi che volevano ucciderlo, dato che il complotto era fallito. Ciro Menotti tenterà di saltare, ma così facendo si romperà una gamba e sarà catturato. 

CORSO CANALGRANDE. Al civico 90 di Corso Canalgrande potete trovare l'edificio che Ciro Menotti acquistò nel 1818 e all'interno del quale i carbonari modenesi si ritrovarono per ordire i complotti contro il duca. 

CHIESA DI SAN VINCENZO. Pochi lo sanno, ma all'interno di questa chiesa si trovano le spoglie dei Duchi d'Este, trasportate qui dalla Chiesa di Sant'Agostino. La cappella fu progettata per volere di Francesco IV e racconta gli ultimi anni degli Estensi a Modena. 

PALAZZO COMUNALE. Durante l'Ottocento il secondo e il terzo piano del nostro palazzo comunale in Piazza Grande, fu luogo di prigionia. In quelle celle vennero rinchiusi durante la prima metà del XIX i protagonisti del Risorgimento modenese. 

PALAZZO DEI MUSEI. In largo Sant'Agostino si trova il monumentale Palazzo dei Musei, che conserva tutt'ora all'interno dei Musei Civici una raccolta di oggetti e opere d'arte risalenti al periodo risorgimentale, ma se volete trovate i documenti ufficiali dei protagonisti di queste gesta eroiche dovrete recarvi, sempre nello stesso palazzo, presso l'Archivio Storico Comunale. 

MONUMETO AL PATIBOLO DI CIRO MENOTTI. Costeggiando l'ex Ospedale Sant'Agostino, che si situa di fronte al Palazzo dei Musei, si trova via Bono da Nonantola, si attraversa Viale Monte Kosica e si arriva al Monumento al Patibolo di Ciro Menotti, opera dello scultore modenese Carlo Cremaschi. Esso fu eretto nel luogo in cui il patriota modenese fu giustiziato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio. A Modena altri 14 decessi, calano gli interventi delle ambulanze

  • Test agli operatori sanitari, si parte la settimana prossima con i prelievi

  • Meteo | Impennata improvvisa delle polveri sottili, vediamo perché

  • Coronavirus. Modena rallenta, ma si aggiungono 10 decessi

  • I numeri nei Comuni: positivi e persone in isolamento in provincia di Modena

  • Contagio. Nuovi positivi in regione, oggi +713. Altri 88 decessi

Torna su
ModenaToday è in caricamento