Itinerari Modenesi | Le 5 residenze Estensi più affascinanti

Il dominio Estense fu molto più ampio del solo territorio di Modena ed infatti oggi vediamo quali sono le più belle residenze della famiglia ducale modenese sparse per l'Italia e l'Europa

(foto giulia_tourguide)

Il dominio Estense fu molto più ampio del solo territorio di Modena ed infatti oggi vediamo quali sono le più belle residenze della famiglia ducale modenese sparse per l'Italia e l'Europa. 

PALAZZO DUCALE DI MODENA. E' considerato uno dei palazzi ducali più belli d'Italia e sicuramente è merito dei grandi artisti e architetti che  lo hanno reso tale, quali Gaspare Vigarani, Bartolomeo Avanzini e Gian Lorenzo Bernini. Quest'ultimo architetto ha dato un'impronta barocca ed elegante alla struttura del 1634 e non a caso ospita attualmente l'Accademia Militare dell'Esercito Italiano.

PALAZZO MODENA DI VIENNA.  Situato nella ex capitale dell'Impero Austro-Ungarico, è di proprietà della famiglia imperiale austriaca, ma nel 1819 il palazzo passò a Francesco IV d'Este, duca di Modena, usandola come la propria sede a Vienna. Una delle sale più affascinanti è stata rinvenuta durante gli ultimi restauri del 2004, si tratta della Sala Terrena, posta appunto al piano terreno, è  caratterizzata da volte a crociera sotto le quali sono stati riscoperti gli originali affreschi cinquecenteschi oggi rivalorizzati.

PALAZZO DUCALE DI SASSUOLO. Il Palazzo Ducale di Sassuolo è una delle residenze ducali italiane più ricche di affreschi che possiamo trovare in Italia. E' poco conosciuto a livello nazionale, ma nel nostro territorio rappresenta il simbolo delle Delezie Estensi. Prima proprietà della famiglia Pio, poi residenza estiva della famiglia ducale, specialmente dopo la fuga da Ferrara e la proclamazione di Modena quale capitale del ducato. 

PALAZZO DUCALE DI REGGIO EMILIA. Anche a Reggio Emilia vi è un palazzo ducale Estense. In realtà venne progettato alla fine del XVIII secolo come sede del Governatore al posto di un precedente monastero, ma concluso il periodo napoleonico nel 1914 venne donato dalla città al duca estense e nel 1839 venne ristrutturato in senso neoclassico da Pietro Marchelli. Se volete visitarlo vi basterà andare in Corso Garibaldi e lo troverete dal lato opposto della strada rispetto alla Basilica della Ghiara. Attualmente è sede della Prefettura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PALAZZO DUCALE DI PAVULLO. Molti sostengono che Pavullo diventò il comune più grande del territorio appenninico grazie all'edificazione del palazzo ducale Estense. Questo edificio permise di migliorare i rapporti e i traposrti tra l'Emilia e la Toscana e l'idea fu del duca Francesco IV che designò Pavullo come capoluogo del Frignano. ll palazzo conserva uno dei più interessanti casi di giardino botanico all'inglese e pochi lo sanno, ma il famoso Pinone, ossia il credod el libano simbolo della città, fu reso tanto importante grazie a questo giardino botanico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiude anche la Cornetteria: "Queste regole impediscono di lavorare"

  • Coronavirus, tornano a crescere i casi in regione. "Stiamo testando gli asintomatici"

  • Contagio, due nuovi casi a Carpi e Castelvetro. Deceduta una 54enne

  • Cosa fare a Modena e provincia: 10 idee per il weekend

  • Auto ribaltata dopo un tamponamento in via Giardini, un ferito a Formigine

  • Fase 3. Unimore prevede lezioni solo online almeno fino alla primavera 2021

Torna su
ModenaToday è in caricamento