Itinerari Modenesi | Viaggio nei giardini dei duchi Estensi

I Giardini Ducali sono un simbolo della città, creati dagli Estensi come parco privato. Conoscete tutto di questo luogo? Un viaggio tra segreti della botanica e storie di bambini e leoni

foto di www.modenabimbi.it

Per gli Estensi l'area dedicata al parco era fondamentale per dimostrare il loro senso estestico, che non poteva essere lontano a quello dei re di Francia, in particolare al famigerato Re Sole e alla sua villa a Versailles, che godeva di un enorme parco. Se lo stesso Palazzo Ducale di Modena era ispirato a quello di Luigi XIV, non poteva non esserlo anche il parco. 

Oggi il parco degli Estensi è visitabile e ci sarete passati tantissime volte, ma forse non tutti sapete che fosse un tempo dei signori di Ferrara. Si tratta infatti dei Giardini Pubblici. Vennero creati nel 1598 dal Duca Cesare, che li fece recintare e li pose a Nord della Città, là dove un tempo vi era il confine delle mura modenesi. 

Il simbolo dei Giardini Ducali è senza dubbio la Palazzina del Vigarani, ultimata nel 1634, che doveva creare un'area dedicata alle feste e all'incontro con le personalità politiche, religiose e culturali che arrivavano a Modena. Non dobbiamo dimenticarci che gli Estensi si consideravano tanto importanti quanto qualsiasi altro regnante europeo. E infatti il Duca Francesco III nel 1758 fece costruire il famoso Orto Botanico, che oggi conserva più di 900 esemplari vegetali arborei, fiori e piante, sia autoctone che esotiche. L'Orto Botanico è oggi visitabile dal 1 Aprile al 31 Luglio e dal 1 al 30 Settembre, dal lunedì al venerdì con orario 9 -13.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche se il simbolo del parco per molti modenesi non sono ne l'Orto, ne la Palazzina Vigarani, nè gli ampi spazi verdi, ma due leoni. Nel parco, gli animali hanno sempre avuto un ruolo importante, in particolare Leo e Lea, i due leoni ospitati per lungo tempo nei Giardini alcuni decenni fa, che ogni giorno venivano visitati da centinaia di bambini. Anche questo luogo, come tanti altri della nostra città davanti cui passiamo velocemente, ha una sua storia da raccontare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Trafficante di cocaina reagisce all'arresto e punta la pistola in faccia ad un carabiniere

Torna su
ModenaToday è in caricamento