Via Emilia Est: maestro di ballo guineano ferma ladro di biciclette

La freddezza e la determinazione di un giovane insegnante di ballo hanno permesso alla squadra Volante di arrestare un pregiudicato reggiano già diffidato dal Questore a tornare sul territorio modenese

Ieri pomeriggio, intorno alle ore 17, un giovane maestro di ballo originario della Guinea ha sventato un furto di biciclette: affacciandosi dalla finestra di casa sul cortile al numero civico 152 di via Emilia Est, il ragazzo ha notato due uomini impegnati a scassinare i lucchetti delle biciclette lasciate nelle rastrelliere condominiali. I due ladri, una volta scoperti, hanno tentato di darsi alla fuga: uno, però, ostacolato nei movimenti dal trasporto in spalla di una bicicletta, ha gettato via il "bottino", ma è stato lo stesso bloccato per un braccio dal giovane guineano che lo ha inseguito a piedi. Resosi conto di essere da solo, il secondo complice è tornato a soccorrere il compagno estraendo un cutter e minacciando il maestro di ballo di accoltellarlo al ventre: ma di lì a qualche istante, il suono bitonale delle sirene della squadra Volante della Polizia hanno indotto alla fuga il malvivente che ha fatto perdere le proprie tracce.

Giunti sul posto, gli agenti hanno trovato il ragazzo che tratteneva per il braccio un uomo già noto alle Forze dell'Ordine: P. P., 33 anni, nato a Reggio Calabria e residente a Reggio Emilia, è un pregiudicato diffidato dal Questore a fare ritorno sul territorio modenese.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • IQOS e sigarette elettroniche, presentato a Modena il primo studio sulla salute umana

  • Ritrovato il 16enne scomparso da Finale Emilia, sta bene

  • Mirandola, in manette il datore di lavoro del 39enne violentato: "Vittima totalmente succube"

  • Muore sulla panchina del parco delle Rimembranze, inutili i soccorsi

  • Trova online la sua bici subata e dà appuntamento al ricettatore in piazza, insieme ai Carabinieri

  • Investito da un'auto a San Damaso, gravissimo un adolescente

Torna su
ModenaToday è in caricamento