Mattarella a Carpi: "Gli italiani seppero reagire alla barbarie"

Cerimonia semplice e composta in piazza Martiri e al Teatro Comunale, dove il Presidente della Repubblica ha tenuto il proprio discorso dopo gli interventi delle autorità locali. Nel pomeriggio la visita a Fossoli

La visita del Presidente della Repubblica a Carpi per la ricorrenza della Festa della Liberazione si è svolta in mattinata secondo il programma prestabilito, con l'arrivo di Mattarella dopo la cerimonia ufficiale a Roma, presso l'Altare della Patria. Mattarella è giunto in piazza Martiri dove si erano radunate alcune centinaia di cittadini e una scolaresca e ha deposto una corona d'alloro al Monumento dei Caduti, prima di fare il suo ingresso nel Teatro Comunale.

Sul palco ad attenderlo c'erano i bambini del coro della scuola primaria Verdi, che ormai da anni accompagnano con le loro canzoni le celebrazioni pubbliche e che hanno accolto il Capo dello Stato cantando l'inno di Mameli, accompagnati dalla Filarmonica Città di Carpi. Senza particolare sfarzo e secondo ritmi serrati, i relatori si sono alternati al podio.

Dopo i saluti introduttivi del Sindaco di Carpi, Alberto Bellelli e del Presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, sono intervenuti Germano Nicolini, già comandante partigiano e lo storico Adriano Prosperi.

E' stata quindi la volta del Capo dello Stato, che dopo aver salutato i presenti ha parlato per circa un quarto d'ora. Molti i temi toccati da Mattarella (qui il discorso integrale), che si è focalizzato in particolare sulla storia della resistenza locale, sulle vicende di Fossoli e sui protagonisti carpigiani. Un discorso senza colpi di scena, lineare nella sua forte connotazione commemorativa, che si è chiuso nel segno della "rcionciliazione", seguendo il motto «Mai più fascismo, mai più guerra».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Presidente, dopo un'ora circa, ha quindi lasciato il teatro tra gli applausi delle autorità e dei cittadini presenti, accompagnato dal coro con "Bella ciao". Da qui si è spostato nel vicino cortile di Palazzo Pio, dove ha deposto una corona alla Stele che reca i nomi dei campi di concentramento, di sterminio e deportati in Europa al Museo Monumento al Deportato presso Palazzo dei Pio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro sulla Tangenziale di Vignola, deceduta una automobilista

  • "I caporali fuori dalla Coop", protesta davanti al supermercato di Formigine

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Apre il Drive-in di Maranello, domani la prima proiezione

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

  • Precipita nel vuoto durante un'escursione, muore un 63enne modenese

Torna su
ModenaToday è in caricamento