Giubileo, il vescovo di Modena apre le celebrazioni in carcere

Oggi mons. Erio Castellucci ha inaugurato l'Anno Santo con una celebrazione presso il carcere di Sant'Anna. Domenica prossima apertura della porta santa in Duomo

"Siamo qui per aprire il nostro cuore a questo anno di grazia”. Arriva dalla liturgia il senso  della celebrazione presieduta oggi, 8 dicembre, dal vescovo Erio Castellucci alla Casa circondariale S. Anna di Modena. "Una celebrazione auspicata dalla direttrice Rosa Alba Casella già alla proclamazione dell'Anno Santo - racconta il cappellano del carcere don Angelo Lovati - a un mese dalla morte di mons. Lanfranchi: e oggi siamo qui, felici di accogliere il nuovo vescovo  Erio".

Parole di gratitudine le prime pronunciate dal vescovo nell'omelia: "Per il Signore che ci ha convocati qui, per la direzione, che ha avuto l'idea di anticipare l'Anno Santo con questa celebrazione, per don Angelo e gli altri volontari che operano in carcere, per gli agenti di Polizia penitenziaria e per tutti voi che avete accolto l'invito a vivere questa celebrazione".  

Le parole del Vangelo sono quelle dell'Annunciazione dell'angelo a Maria. "Maria che rischiava ben di più del carcere: era promessa sposa, se si  fosse saputo che era incinta, e non del fidanzato, rischiava la morte, e lo sapeva bene". 

"Le vere gabbie - ha proseguito il vescovo - sono quelle del cuore, questo è il carcere più  pesante. Ci sono persone esteriormente libere, ma prigioniere nelle sbarre del proprio egoismo; la libertà più importante è invece quella de cuore, possibile anche quando quella materiale è limitata. Il 13 apriremo la Porta Santa in Cattedrale, oggi apriamo la porta santa del cuore: il Signore ci chiede di credere nella possibilità di riscatto, di essere amati, di crescere attraverso le esperienze più dure, di tenere aperto il cuore con le possibilità che abbiamo: per voi qualche sorriso in più, parole buone con gli altri, la condivisione dei momenti formativi. Il Signore ci aiuti a buttare giù le sbarre interiori che ci tengono imprigionato l'animo".

Le preghiere dei fedeli hanno ricordato sacerdoti e volontari, la polizia e la direzione, e tutti i detenuti nel loro percorso. Una lunga ed accorata preghiera è stata proposta alla fine della celebrazione: "In questa comunità di peccatori - ha detto uno dei  detenuti - ci è data la possibilità di avere infiniti passaggi attraverso porte sante. Ogni cosa umana può diventare figura del Divino e occasione di rinnovamento, se docilmente ci rediamo disponibili a farci guidare dal Colui che è nostro Padre".

Alla fine il Vescovo ha ricevuto  alcuni doni, realizzati dai detenuti: una capanna del presepe, fatta interamente a mano, due cornici di chicchi  di riso, un compri ambone ed un copri leggio cuciti e ricamati a mano, un cestino  di carta fatto con materiale di recupero, che diventa una bomboniera. I detenuti del S. Anna offrono al vescovo, per una famiglia povera, un set di bomboniere fatte a mano da loro con questa tecnica, sottolineando l'invito  ad averlo ancora con loro. Il vescovo, ringraziando per i doni, ha confermato che celebrerà l'Eucarestia in carcere anche il giorno di Natale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Patente a punti. Come fare controllo e verifica del saldo

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Furto in casa a Vignola, setacciati i "compro oro" e denunciata una ragazza

  • Meteo | Un venerdì difficile tra pioggia, neve e rischio gelicidio

Torna su
ModenaToday è in caricamento