Meteo: addio al secondo agosto più caldo di sempre

La temperatura media del mese rilevata è stata di 27.9°C. L'agosto del 2011 è stato il primo e unico della storia a concludersi a Modena completamente. Nel fine settimana previsto l'arrivo di una prima rinfrescata

Terminato un agosto bollente

Per gli esperti, il 1° settembre coincide col primo giorno dell’autunno meteorologico, ma le temperature, nonostante da alcuni giorni non siano più roventi, restano elevate per la stagione, mantenendosi su livelli tipicamente estivi. Mercoledì 31 agosto, la stazione meteo dell’Osservatorio
Geofisico del Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell’Ambiente dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia presso il Campus di via Vignolese a Modena ha raggiunto i 32.1°C, arrestandosi invece a 31°C in Piazza Roma, dove si trova la stazione di rilevamento storica posta sul
torrione orientale del Palazzo Ducale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I PRECEDENTI - Le statistiche lasciano ancora una volta stupiti per il ripetersi sempre più frequente di eventi estremi, a partire dalla temperatura media mensile: con 27.9°C quello del 2011 è stato il secondo agosto più caldo di sempre, dopo l’agosto del 2003 in cui soffrimmo una media mensile di 29.4°C e precedendo i 27.2°C del 2009. I riferimenti in letteratura scientifica indicano in 24.3°C la media climatica 1971-2000 per questo mese. La punta per questo agosto 2011 si è raggiunta il 26 agosto con 39.2°C al Campus di via Vignolese e 37.4°C sul Palazzo Ducale. Non è stato battuto il record assoluto del 29 luglio 1983, ma ci si trova comunque in presenza di un valore estremo e, in particolare, della più elevata
temperatura della seconda metà di agosto, nonché il più tardivo “giorno più caldo dell’anno”. Già ad aprile del resto l’estate 2011 aveva dato la sua anticipazione con la più precoce massima del periodo raggiunta il 9 aprile con 30.0°C.

ESTATE DA RECORD - Nel corso dell’anno sono stati 55 i giorni oltre i 30°C registrati dall’Osservatorio Geofisico di Piazza Roma, un dato che risulta in linea con quanto avviene ormai stabilmente dall’inizio del terzo millennio, ma prima di allora un così elevato numero di “giornate calde” c’era stato solo in sei annate dal 1860 al 1999. Più eclatante l’anomalia delle “giornate roventi”: nel 2011 sono stati 6 i giorni, peraltro consecutivi, oltre i 36°C, cosa che si verificò solo nel 2003 quando queste giornate furono complessivamente 9 nell’arco del trimestre estivo con anche allora l’accentuazione di 6 giorni consecutivi oltre i 36°C. “Altro dato clamoroso per agosto, - sottolinea Luca Lombroso - la chiusura completamente a secco del mese, con 0.0 mm di precipitazioni registrate in Osservatorio. E’ stato l’unico mese di agosto completamente a secco e in passato solo due volte questo mese aveva totalizzato precipitazioni inferiori al millimetro (soglia di “giorno piovoso” idrologico): capitò nel 1899 (0.7 mm) e nel 1961 (0.2 mm)”. Abbiamo dunque passato una delle estati più terribili? “A confronto – commenta Luca Lombroso guardando i dati - il 2003 fu molto peggio, mentre nel 1983 l’ondata calda fu più breve e resta nella storia, per ora, per la singola giornata più calda. Questi ormai sono gli effetti conclamati nel nostro territorio dei cambiamenti climatici. Purtroppo le estati più terribili sono quelle che arriveranno nel futuro, ma grazie all’osservazione possiamo monitorarle e attenuarne gli effetti con opportune strategie di mitigazione e adattamento”.

PREVISIONI - L’estate sta continuando ma è attesa proprio nel fine settimana una perturbazione con prime avvisaglie di temporali sabato 3 settembre pomeriggio-sera, che però dovrebbero interessare maggiormente il nordovest, pur non escludendo locali sconfinamenti nei territori modenesi e reggiani. Quindi avremo un più marcato peggioramento temporalesco nella giornata di domenica 4 settembre. Chiaro che una perturbazione proprio nel fine settimana infastidisce, ma la pioggia non sarà insistente. Più in dettaglio i temporali previsti in questa giornata arriveranno anche improvvisi specie nel pomeriggio-sera e in qualche caso assumeranno un carattere piuttosto intenso, visto il caldo che fa da “combustibile” per lo sviluppo dei minacciosi cumulonembi. Nei prossimi giorni continuerà il caldo, con limiti anche a 32°-34°C, fino a tutto sabato 3 settembre e forse anche nella prima parte di domenica 4 settembre, poi le temperature cominceranno a calare e lunedì 5 settembre si avvertirà in modo più netto il favore della rinfrescata, con una diminuzione di 3-5°C ed i primi frescori serali e mattutini. Ad essa seguirà un’altra perturbazione ed una ulteriore rinfrescata martedì 5 e mercoledì 6 settembre. “Ecco, dunque, in ritardo sulla tabella di marcia, - conclude Luca Lombroso - una duplice burrasca di fine estate. Al momento non si vedono nuove ondate di caldo, ma probabilmente non mancherà l’occasione di belle giornate settembrine”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus. Modena rallenta, ma si aggiungono 10 decessi

  • E' positiva al virus ma esce in bicicletta, denunciata a Modena una 47enne

  • Famiglia senza più soldi, dopo l'annuncio in tv la spesa arriva a casa

  • Contagio. Nuovi positivi in regione, oggi +713. Altri 88 decessi

  • Buoni spesa, a Modena fino a 500 euro a famiglia. Domande da lunedì

  • Coronavirus, in Emilia-Romagna 608 positivi e 75 decessi in più

Torna su
ModenaToday è in caricamento