E' morta l'aquila reale impallinata da un cacciatore in Appennino

A Montese era stata recuperato il magnifico rapace, impallinato da un colpo di fucile da caccia. Avviate le indagini per stanare il colpevole. La Polizia Provinciale: "Episodio grave"

L'aquila reale, trovata nei giorni scorsi da un cacciatore in un bosco nella zona di S.Giacomo di Zocca, ormai stremata e in cattivo stato di salute, era stata impallinata da un cacciatore, diversi giorni prima il ritrovamento. Purtroppo nella mattina di lunedì 19 ottobre, il rapace è morto, nonostante le cure dei veterinari del Centro fauna selvatica Il Pettirosso di Modena, dove l'animale era stato portato dalla Polizia provinciale in collaborazione con la Forestale.

Sono stati i veterinari stessi a scoprire oltre una decina di ferite provocate da altrettanti pallini. Ora gli operatori del servizio Zooprofilattico di Modena, ai quali è stata consegnata la carcassa, dovranno stabilire nei prossimi giorni se l'animale sia deceduto a causa di queste ferite o per altri motivi. «Resta in ogni caso la gravità dell'episodio - sottolinea Fabio Leonelli, comandate della Polizia provinciale di Modena - ai danni di un animale particolarmente protetto. Un episodio grave ma per fortuna non frequente visto che non era mai accaduto a Modena di recuperare un aquila reale impallinata».

All’arrivo al Centro fauna l’animale era sembrato già fortemente debilitato in quanto le ferite e la frattura a un'ala risalivano a diversi giorni precedenti. Purtroppo le lastre eseguite dai veterinari del Centro hanno portato alla scoperta che lo stupendo esemplare di aquila era stato abbattuto da un colpo di fucile, sicuramente volontario anche perché è difficile scambiare un'aquila per un altro uccello cacciabile. 

La Polizia provinciale ha già avviato le indagini per ottenere informazioni utili all’individuazione del responsabile.  I reati vanno dal danneggiamento di proprietà dello Stato, abbattimento di fauna particolarmente protetta e, visto che è stata abbandonata ad una lunga agonia, si può configurare anche il reato di maltrattamento. La Provincia ha avviato un progetto di tutela dedicato all’aquila reale che nidifica in provincia di Modena dal 1989; dalla ricerca è emerso che sono cinque le coppie di aquila reale che frequentano con una certa regolarità i cieli dell’Appennino modenese, ma solo una di queste nidifica stabilmente, le altre hanno scelto zone limitrofe nel bolognese e in Toscana. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • Avatar anonimo di dario
    dario

    Ciao, offerte di credito Io sono un individuo, un direttore e azionista della banca. Offro prestiti che vanno da € 2.000 a € 500 milioni a chiunque nel Bisogno. Sì, si vuole avviare un business, con progetti o costruzione di un bene o di un credito, questa è un'opportunità perché sarò molto aperto a prestiti per investimenti a 2%, pagabile nell'arco di diversi anni. Per ulteriori informazioni rivolgersi al seguente indirizzo di posta elettronica: ahenzadario@gmail.com  

    • Avatar anonimo di dario
      dario

      Ciao, offerte di credito Io sono un individuo, un direttore e azionista della banca. Offro prestiti che vanno da € 2.000 a € 500 milioni a chiunque nel Bisogno. Sì, si vuole avviare un business, con progetti o costruzione di un bene o di un credito, questa è un'opportunità perché sarò molto aperto a prestiti per investimenti a 2%, pagabile nell'arco di diversi anni. Per ulteriori informazioni rivolgersi al seguente indirizzo di posta elettronica: ahenzadario@gmail.com

  • Avatar anonimo di dario
    dario

    Ciao, offerte di credito Io sono un individuo, un direttore e azionista della banca. Offro prestiti che vanno da € 2.000 a € 500 milioni a chiunque nel Bisogno. Sì, si vuole avviare un business, con progetti o costruzione di un bene o di un credito, questa è un'opportunità perché sarò molto aperto a prestiti per investimenti a 2%, pagabile nell'arco di diversi anni. Per ulteriori informazioni rivolgersi al seguente indirizzo di posta elettronica: ahenzadario@gmail.com  

  • Buongiorno, signore & signora Metto a vostra disposizione un prestito dal 2000 € a 1.700.000€ a condizioni molto semplice. su un tasso negoziabile soltanto delle garanzie da prevedere per la vostra domanda.!: Ma appena ed onesto ed affidabile. Fatte conoscere l'importo di denaro che volete prestare, siamo vicino da soddisfarli. Infine per più comprensione volete unirmi l'indirizzo - Mail :francesca.cortes02@gmail.com

  • Buongiorno, signore & signora Metto a vostra disposizione un prestito dal 2000 € a 1.700.000€ a condizioni molto semplice. su un tasso negoziabile soltanto delle garanzie da prevedere per la vostra domanda. Ma appena ed onesto ed affidabile. Fatte conoscere l'importo di denaro che volete prestare, siamo vicino da soddisfarli. Infine per più comprensione volete unirmi l'indirizzo - Mail :francesca.cortes02@gmail.com

  • Particolari italiano o svizzero che ricercano da anni dei prestiti di argenti e che non hanno trovato ancora una buona soluzione alla loro soddisfazione, allora sono il Signor julio enzo di nazionalità italiana che ha deciso di mettere al profitto di queste persone gentili ed oneste dunque, un'azione finanziaria enorme giusta per diminuire il tasso di crescita nel settore finanziario in tutta l'Italia. Allora cosìrealmente siete interessate per la mia offerta di prestito, volete semplicemente mi contattate per e-mail :francesca.cortes02@gmail.com

  • ...Buongiorno a tutti voi in nome di dio. Questo messaggio si rivolge ai privati, ai poveri, o a tutti coloro che sono nella necessità di un prestito particolare per ricostruire la loro vita. siete alla ricerca di prestito per sia rilanciare le vostre attività sia per la realizzazione di un progetto, sia per comperarvi un appartamento ma siete vietato bancario o la vostra cartella ad estate respinta alla banca. Sono un privato io assegno prestiti che vanno di 1.000€ a 5.000 000€ ad ogni persona capace di rispettare le condizioni .per più di info: aiuto.pietro1@gmail.com

  • ..Buongiorno a tutti voi in nome di dio. Questo messaggio si rivolge ai privati, ai poveri, o a tutti coloro che sono nella necessità di un prestito particolare per ricostruire la loro vita. siete alla ricerca di prestito per sia rilanciare le vostre attività sia per la realizzazione di un progetto, sia per comperarvi un appartamento ma siete vietato bancario o la vostra cartella ad estate respinta alla banca. Sono un privato io assegno prestiti che vanno di 1.000€ a 5.000 000€ ad ogni persona capace di rispettare le condizioni .per più di info: aiuto.pietro1@gmail.com

  • .Buongiorno a tutti voi in nome di dio. Questo messaggio si rivolge ai privati, ai poveri, o a tutti coloro che sono nella necessità di un prestito particolare per ricostruire la loro vita. siete alla ricerca di prestito per sia rilanciare le vostre attività sia per la realizzazione di un progetto, sia per comperarvi un appartamento ma siete vietato bancario o la vostra cartella ad estate respinta alla banca. Sono un privato io assegno prestiti che vanno di 1.000€ a 5.000 000€ ad ogni persona capace di rispettare le condizioni .per più di info: aiuto.pietro1@gmail.com

  • sìsì i cacciatori, quelli che amano la natura, girare col cane (che come si sa tengono benissimo, manco fosse loro figlio, ma se non è "buono" che fine farà mah...) poi ci sono i bracconieri cattivi ...Boh fatto sta che a Monte San Giacomo sabato eravamo, con regolare tesserino, in cerca di funghi e castagne quando ci siamo imbattute in uno sportivo cacciatore (quando fagiani lepri e cinghiali saranno dotati di doppiette, walkie talkie, binocoli e puntatori laser allora sì che sarà uno sport) che camminava nel bosco con fucile chiuso e presumibilmente carico. Per la cronaca Monte san Giacomo è area naturalistica con percorsi didattici, artistici (Art in the wood) e il bellissimo "Bosco delle Betulle". Non è la prima volta che ci vedo cacciatori (anche in auto sui sentieri) e mi chiedo come sia possibile permettere la caccia in un luogo simile

  • Avatar anonimo di Carmelo Hunter
    Carmelo Hunter

    E' morta l'aquila reale impallinata da un cacciatore in Appennino „ E' morta l'aquila reale impallinata da un cacciatore in Appennino A Montese era stata recuperato il magnifico rapace, impallinato da un colpo di fucile da caccia. Avviate le indagini per stanare il colpevole. La Polizia Provinciale: "Episodio grave" Direi episodio gravissimo visto che ancora una volta il giornalista tendenziosamente cerca di denigrare la categoria dei cacciatori, i fucili ad anima liscia e quindi a munizione spezzata, nascono sia per la caccia che per il tiro sportivo, la stessa arma viene anche usata, dopo aver mozzato le canne come "lupara" e non per forza deve essere una doppietta, anche un semiautomatico può diventare una lupara. Chi ha sparato all'aquila, voleva proprio catturarla per poi rivenderne la carcassa e lucrarci sopra. TRATTASI DI UN BRACCONIERE CHE NULLA HA IN COMUNE CON I CACCIATORI, SE NON L'ARMA IN OGGETTO. Pregherei la redazione di codesta testata ad apportare una giusta correzione nel titolo di testa dove volutamente si cerca di infangare una categoria di persone oneste e rispettose della natura e delle leggi!!! “ Potrebbe interessarti:http://www.modenatoday.it/cronaca/morta-aquila-reale-cacciatore-montese.html Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/ModenaToday/125552344190121

    • Avatar anonimo di simona rabbi
      simona rabbi

      Caro Carmelo Hunter. Sicuramente ci sono cacciatori che rispettano le leggi....ma sono pochi e comunque non denunciano o buttano fuori le mele marce. O forse li incontro solo io. Io abito a Castel d'aiano confinante con Zocca ...e proprio un anno fa parlando di un aquila che era stata ritrovata morta, morte naturale, l.ex vigile in pensione, cacciatore, pubblicamente davanti a molti disse che lui a quelle bestiacce inutili gli spara. E ti potrei fare altri mille esempi. Non voglio partire qui con un dibattito, io non ce l.ho con la caccia, perché se uno mangia carne non è meglio. il problema sono i cacciatori. ...ignoranti in tema di natura animali ed ecosistema..credimi che la maggior parte siete così.   

      • Avatar anonimo di Carmelo Hunter
        Carmelo Hunter

        Anche la maggior parte di quelli patentati che una volta nella vita sono passati col rosso. Il tuo discorso non regge, da più di 40 anni ormai i cacciatori per poter andare a caccia, conseguono un esame pratico ed uno teorico, quello pratico si svolge su un campo di tiro e su un poligono di tiro a segno, per ottenere il certificato che attesta la capacità d'uso delle armi. Quello teorico prevede che il novello cacciatore conosca a mena dito la legge sulla caccia. Dal 1977 poi, chi conseguiva la licenza di caccia doveva, per il primo anno uscire a caccia con un cacciatore che doveva avere conseguito la licenza almeno tre anni prima. Anche quelli che escono dalla discoteca ubriachi e si mettono alla guida, hanno consguito la patente di guida ma poi fanno la cosa più vietata. Ci sono dei bracconieri che per non  rischiare l'arresto durante il tragitto o in campagna, per porto e trasporto abusivo di arma, conseguono la licenza di caccia ma poi tutto fanno fuorchè cacciare legalmente!!! Il tuo discorso non sta in piedi, non si può demonizzare un'intera categoria per un'azione compiuta da uno sconosciuto con un fucile da caccia, sicuramente era solo un BRACCONIERE!!!

  • Avatar anonimo di Giancarlo
    Giancarlo

    ritengo sia un gesto  ignobile e non giustificabile, chiunque lo abbia eseguito deve essere punito con il massimo della pena...

Notizie di oggi

  • Attualità

    Dossier Legambiente Mal’Aria 2019: Modena maglia nera della regione

  • Economia

    Brand Finance, il Cavallino torna sul tetto del mondo dei marchi più influenti

  • Cronaca

    Parco Novi Sad, arrestati due spacciatori di hashish

  • Attualità

    Epidemia di influenza più 'clemente' rispetto allo scorso anno: "Non bisogna abbassare la guardia"

I più letti della settimana

  • Tamponamento a catena, corriera Seta in bilico nel fosso. Diversi feriti

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Ciclista travolto in via Emilia, identificati mezzo e conducente

  • Sorpresi con lo shaboo in tasca, tre filippini arrestati "in trasferta"

  • Scontro a Piumazzo, muore una automobilista di 76 anni

  • Spaccata in pizzeria, clandestino inseguito dal proprietario e arrestato dalla Volante

Torna su
ModenaToday è in caricamento