Lutto nella Chiesa, morto l'esorcista Don Gabriele Amorth

Nato a Modena, da lungo tempo svolgeva la propria missione a Roma, dove ieri è deceduto a seguito di una malattia, dopo un ricovero di alcune settimane. Da ormai tre decenni era conosciuto in tutto il mondo per i suoi scritti sull'esorcismo

Don Gabriele Amorth, sacerdote paolino ed uno degli esorcisti più famosi al mondo, è morto ieri all'età di 91 anni. Padre Amorth esercitava il suo ministero nella Diocesi di Roma. Era ricoverato da alcune settimane per complicazioni polmonari presso l'ospedale della Fondazione Santa Lucia, a Roma.

Nato a Modena nel 1925, venne nominato esorcista nell'85 dal cardinale Ugo Poletti, ruolo che lo ha reso celebre in tutto il mondo. Don Amorth ha pubblicato numerosi libri tra cui 'Dio più bello del diavolo', considerato da molti come il suo testamento spirituale. Nel libro vengono toccati anche i temi della Massoneria e delle sette. 

Tra gli altri libri di padre Amorth: 'Il mio rosariò, 'Saremo giudicati dall'amorè, 'Vade Retro Satana!', 'Più forti del malè e 'Il vangelo di Maria - La donna che ha sconfitto il malè, in cui si ripercorre la vicenda evangelica della Vergine Madre. Va ricordato, infine, il documentario in Dvd 'Il Diavolo e l'esorcistà. Nel 1990 ha fondato l'Associazione internazionale degli esorcisti, di cui è stato presidente fino al 2000. Lo scorso 8 settembre è stato insignito della 'Medaglia della Liberazione' dal Prefetto di Roma per l'importante ruolo svolto nella lotta partigiana in Emilia dopo l'8 settembre 1943.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni: Provincia di Modena in linea con la Regione. Via Emilia targata Pd

  • Raro tumore ad una mano, trentenne salvato dalla cooperazione medica tra Modena e Bologna

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

  • Bambina di sei anni precipita dalla seggiovia, paura sul cimone

  • Spaccio e clandestini, chiuso per dieci giorni il bar Nuovo Fiore

  • Regionali. Bonaccini esulta, domani sera festa in Piazza Grande

Torna su
ModenaToday è in caricamento