menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcalendarcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcasesunnysuncloudwhitecloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfograinlightblackcloudsleetsnowcelsiuslock-openlog-outeditfiletrophy

Aci: "I ciclomotori possono circolare solo se dotati dalla nuova targa"

I proprietari dei mezzi immatricolati prima del 14 luglio 2006 devono provvedere alla sostituzione per continuare ad utilizzare il mezzo e non incorrere in sanzioni

L’Automobile Club di Modena ricorda ai possessori delle targhe d’identificazione, emesse prima del 14 luglio 2006 per i ciclomotori, che le stesse devono essere sostituite con quelle nuove. La targa, oggi necessaria quadrata e di maggiori dimensioni, non può essere “trasferita” liberamente, tra vari ciclomotori, senza effettuarne la segnalazione agli uffici competenti, con l’iscrizione sulla carta di circolazione. Utilizzando su strada il vecchio “targhino” si é soggetti alle sanzioni di legge. Per quanto riguarda il “bollo”, la legislazione fiscale è rimasta invariata. Per i ciclomotori  il “bollo” è una tassa di circolazione e non di proprietà, prevista per gli altri mezzi. Per questo motivo il suo versamento è obbligatorio sole se è legato all’effettivo utilizzo del mezzo. Sull’attestato di versamento deve essere indicato il numero del telaio, non quello della targa.



Commenti

    Più letti della settimana

    Torna su