Controlli e 'fototrappole', piovono multe per l'abbandono dei rifiuti

Il Comune di Carpi ha intensificato i controlli su questo fenomeno particolarmente fastidioso e incivile, arrivando a comminare 125 multe nel corso del 2016

Sono state 125 le sanzioni che la Polizia Municipale delle Terre d’Argine ha comminato a Carpi per l’abbandono di rifiuti nel corso del 2016. Circa una settantina i luoghi del territorio comunale dove almeno in un caso si è proceduto con una multa, a conferma della capillarità dei controlli svolti, sia nel comune capoluogo sia nelle frazioni.

“Quest'anno – sottolinea inoltre l’assessore all’Ambiente Simone Tosi - saranno aumentati gli ‘ispettori ambientali’ utilizzando il nuovo Regolamento di ATERSIR che permetterà a questo fine sia l'utilizzo degli operatori di Aimag spa che di ‘ispettori volontari’, tutti adeguatamente formati”.

Nel 2016 nel territorio delle Terre d’Argine sono stati effettuati dalla Polizia Municipale circa 1100 servizi di controllo, contro i 938 del 2015. Circa 30 sono state le sanzioni comminate grazie all’ausilio delle cosiddette ‘fototrappole’, apparecchi che consentono la ripresa delle immagini con sviluppo di fotogrammi, posizionate in luoghi ‘sensibili’.

I trasgressori al Regolamento di Polizia urbana sono sanzionati con multe superiori a 100 euro e l'addebito di tutti e 26 gli svuotamenti annui previsti dal sistema di raccolta differenziata ‘porta a porta’, per un importo superiore a 420 euro (che si somma alla multa).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carambola fra quattro auto in via Giardini a Formigine, grave un'anziana

  • Il ladro finisce in carcere e ringrazia i carabinieri che comprano i pannolini per il figlio

  • Sospetto caso di Dengue, disinfestazioni in tre aree della città

  • Gravi incidenti in sequenza, martedì nero sullo snodo autostradale di Modena

  • Prevenzione dell’ictus, la Chirurgia Vascolare di Baggiovara introduce una nuova variante

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

Torna su
ModenaToday è in caricamento