Controlli, 14 multe per uso del telefono alla guida. Con la Fase 2 tornano gli incidenti

La campagna della Polizia locale in giorni in cui la fase 2 non era ancora partita del tutto, eppure il 15 per cento dei conducenti guidava con in mano cellulare o tablet

Nella prima campagna per la sicurezza stradale dopo il periodo di lockdown, svolta dalla Polizia locale di Modena proprio per contrastare l’uso del telefono alla guida, sono state diverse le infrazioni accertate. Tra il 12 e il 18 maggio, in un periodo in cui la riapertura della fase 2 non era ancora completa, le pattuglie delle unità territoriali e del Pronto intervento, per lo più in motocicletta, impegnate nei controlli, hanno fermato 93 veicoli e sanzionato 14 conducenti intenti a usare il telefono per telefonare o messaggiare.

Quindi nonostante i controlli siano stati eseguiti in giorni in cui il traffico non era ancora in regimi di normalità, bensì ridotto, circa il 15 per cento dei conducenti non si attiene all'osservanza della regola, importantissima in tema di sicurezza stradale e di prevenzione dell'incidentalità, di non fare uso del cellulare durante la guida.

Qualcuno, pur dispiaciuto per la sanzione, ha comunque “ringraziato gli agenti per l'importanza del lavoro svolto”, ma resta fondamentale il rispetto del Codice stradale per la sicurezza propria e altrui. Probabilmente i modenesi, che negli ultimi mesi hanno guidato poco e in strade quasi deserte, devono abituarsi nuovamente a condurre il veicolo nel traffico con maggiore attenzione, come dimostra anche la netta ripresa degli incidenti stradali coincisa con la ripartenza del traffico lungo le strade urbane.

Ricordiamo che per il conducente che durante la marcia fa uso di apparecchio telefonico impegnando l’uso della mano l’articolo 173 del CdS prevede, oltre alla sanzione di 165 euro, la decurtazione di cinque punti e, se la violazione viene reiterata nel biennio, anche la sospensione della patente da uno a tre mesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei giorni scorsi all’incrocio tra viale Storchi e via Monte Kosica, sempre durante ic ontrolli, i vigili hanno fermato un Fiat Ducato che appariva sovraccarico. Al volante c’era uno straniero, proveniente da Milano, che ha esibito una patente che sembrava contraffatta. Inoltre, dagli accertamenti è emerso che il veicolo era privo della copertura Rca e che l’attività di trasporto di materiale conto terzi avveniva senza la licenza. I riscontri formali hanno permesso di identificarlo in un 31enne non in regola con le norme sul permesso di soggiorno. L’uomo è stato denunciato con le accuse di falso, guida senza patente con recidiva, false generalità fornite agli agenti e per la situazione di irregolarità in Italia. In più, per lui sono scattate sanzioni amministrative per quasi 1.500 euro per via delle contestazioni sulla mancata di copertura assicurativa del furgone e sul sovraccarico di merci e il trasporto delle stesse in assenza dell’autorizzazione. Il Ducato è stato sequestrato dalla Polizia locale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Trafficante di cocaina reagisce all'arresto e punta la pistola in faccia ad un carabiniere

Torna su
ModenaToday è in caricamento