Terremoto nella bassa: municipio di Mirandola a rischio crollo

Uffici comunali trasferiti nella scuola media Montanari di via Dorando Pietri: crollato il tetto del Duomo, battezzata come "zona rossa" la parte più antica del centro storico, 150 le aziende chiuse per i problemi alle strutture o agli impianti

Municipio Mirandola

A rischio crollo e del tutto inaccessibile. Versa in questo stato il Municipio di Mirandola a causa del terremoto di domenica 20 maggio: gli uffici comunali sono stati trasferiti nella scuola media Montanari di via Dorando Pietri, a pochi metri di distanza dalla tendopoli che ospita gli sfollati. Nella città dei Pico, il Comune ha sinora ricevuto oltre 2mila segnalazioni di danni agli edifici. Il tetto del Duomo è crollato, mentre si è visibilmente spostato il muro perimetrale di sinistra. La "zona rossa", in cui non è possibile entrare prima delle verifiche di stabilità, comprende la parte più antica del centro storico. Il sisma ha lesionato in diversi punti il Castello dei Pico, al suo interno, e danni ingenti sono stati registrati anche nella chiesa di San Francesco e del Gesù in centro. Da fonti comunali si apprende che sono circa 150 le aziende chiuse per i problemi alle strutture o agli impianti. Molte di queste sono del settore biomedicale, cuore pulsante dell'economia mirandolese.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In balia della corrente sul materassino, due ragazzi modenesi salvati in Salento

  • Auto nel fosso, grave una coppia incastrata nel veicolo capottato

  • Turista multato per l'accesso in Ztl, arriva alla Municipale un assegno dalle Hawaii

  • Lieve scossa di terremoto sull'Appennino modenese

  • Gli eventi da non perdere a Ferragosto a Modena e provincia

  • Esce di strada con l'auto, morto un 59enne a Manzolino

Torna su
ModenaToday è in caricamento