L’Avis provinciale rinnova il parco macchine e le attrezzature

Acquistati cinque nuovi veicoli e tredici nuove poltrone per il prelievo grazie a un contributo di 90 mila euro della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

Cinque nuovi veicoli e tredici nuove poltrone per il prelievo andranno a rinnovare il parco mezzi e le attrezzature dell’Avis provinciale di Modena grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena. L’intervento si è reso necessario per rendere più efficiente e sicura la dotazione di automezzi e per attrezzare la sala prelievi di presidi più funzionali e confortevoli al servizio del donatore. Nel parco macchine adibite al trasporto del sangue e agli spostamenti entrano 2 furgoni Opel Combo a metano, una Opel Zafira a metano, una Opel Astra diesel e una Opel Corsa a GPL, portando così ad un totale di 10 il numero di mezzi oggi in dotazione all’Avis modenese. Delle nuove poltrone, 12 sono andate a sostituire le precedenti ormai obsolete nella sede di Modena, mentre una è stata destinata alla sede di Vignola. Il finanziamento della Fondazione ammonta a 90 mila euro su un investimento complessivo di 127 mila euro. 

Nuovi mezzi e attrezzature sono stati presentati oggi nella sede dell’Avis modenese di via Borri. Erano presenti il sindaco Giancarlo Muzzarelli, il presidente della Fondazione Crmo Paolo Cavicchioli, il direttore generale dell’ Azienda Policlinico Ivan Trenti, il presidente regionale Avis Maurizio Pirazzoli.  E’ stata l’occasione per ribadire il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena alle necessità dell’associazione per il dono del sangue in provincia di Modena. Sostanziali negli ultimi vent’anni i finanziamenti su immobili e strutture, a partire dalla costruzione della attuale sede modenese, all’acquisto della sede di Sassuolo, alla sistemazione delle sedi di Pavullo e Pievepelago, oltre ai numerosi contributi per l’acquisto di strumentazioni, arredi e presidi sanitari. 

Anche grazie a questo supporto l’Avis ha potuto rispondere alla generosità dei quasi 30 mila donatori della provincia con un servizio adeguato che l’ha portata nel 2016  a raccogliere più di  52 mila donazioni, quasi il 30 per cento del totale regionale. I primi cinque mesi del 2017 confermano sostanzialmente l’andamento di fine 2016, con un aumento del 2,77 per cento di sangue intero raccolto rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e un lieve calo per plasma e aferesi (rispettivamente – 4,68 e – 3, 01). In previsione dell’estate, da sempre periodo “critico” per la raccolta di sangue, anche nel corso dell’inaugurazione i dirigenti Avis hanno ribadito l’importanza di effettuare regolarmente la donazione prima o dopo il periodo dalle vacanze. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il presidente regionale dell’Avis Maurizio Pirazzoli ha sottolineato l’importanza di “fare sistema” contribuendo in questo modo al rafforzamento della “coesione sociale”. “In una società che costruisce muri – ha di chiarato Pirazzoli – i volontari danno una picconata a quei muri, operano gratuitamente per superare le barriere e garantire il diritto alla salute delle persone, senza alcuna distinzione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro sulla Tangenziale di Vignola, deceduta una automobilista

  • "I caporali fuori dalla Coop", protesta davanti al supermercato di Formigine

  • Apre il Drive-in di Maranello, domani la prima proiezione

  • Si presenta al Pronto Soccorso dopo una lite, ma porta con sè la cocaina. Arrestato

  • Precipita nel vuoto durante un'escursione, muore un 63enne modenese

  • Andrea Dovizioso operato durante la notte al Policlinico di Modena dopo una caduta

Torna su
ModenaToday è in caricamento