Carcere di modena, Osapp e Alsippe proclamano lo stato di agitazione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

I gravissimi episodi di violenza verificatisi nelle ultime settimane all'interno di codesto Istituto penitenziario hanno visto, troppo spesso, soccombere il personale di Polizia Penitenziaria, costretto ad operare tra enormi difficoltà e in condizioni ambientali assolutamente insopportabili. Tali difficoltà trovano la loro genesi nella grave carenza di organico ma, soprattutto, nello sconcertante silenzio della Direzione e di tutta l'Amministrazione Penitenziaria che continuano a sottovalutare l'entità del problema, senza tener conto, in maniera passiva, pericolosa e poco responsabile, delle criticità rappresentate quotidianamente.

Tenuto conto di quanto sopra posto in evidenza, si ritiene doveroso segnalare che, nonostante tutto, i Poliziotti Penitenziari della C.C. di Modena continuano come sempre a dimostrare un alto senso del dovere e a distinguersi in ogni situazioni di emergenza. Con coraggio e sacrificio si espongono ormai quotidianamente nel fronteggiare eventi critici che vedono coinvolti uno o più detenuti, intervenendo con prontezza e grande professionalità, ponendo a rischio la propria incolumità fisica con l'unico obiettivo di preservarne altre. Ne è riprova su quanto dianzi esplicitato la sempre più lunga lista di colleghi che hanno riportato lesioni più o meno gravi, certificate dall'Autorità Sanitaria, con prognosi che vanno dai cinque ai quaranta giorni di riposo e cure.

Tali episodi avvengono, come detto, nel silenzio di una Direzione intenta a salvaguardare unicamente la funzionalità dell'Istituto, omettendo di tenere in giusta considerazione anche il benessere e la sicurezza del proprio personale.

La scrivente Organizzazione Sindacale Osapp/Alsippe, non condividendo l'abbandono e la scarsa attenzione che viene posta per la risoluzione dei problemi dei Poliziotti Penitenziari, si astenerrà, in segno di protesta, dalla fruizione della Mensa obbligatoria di Servizio a partire dal giorno 07.08.2015 e fino a quando non saranno intraprese le giuste e concrete iniziative, finalizzate a migliorare le condizioni sia lavorative che di vita del personale di Polizia Penitenziaria in servizio presso la Casa Circondariale di Modena.

Il Segretario Locale Osapp Il Segretario Vice Regionale Alsippe
F.to Stefano Costantini F.to Luigi Miggiano

Torna su
ModenaToday è in caricamento