Papa Benedetto XVI in visita a Rovereto: "Non sarete soli"

Il Pontefice atterrato a San Marino di Carpi si è poi diretto a Rovereto di Novi dove ha ricordato la figura di Don Ivan Martini: "Per voi aiuto concreto da associazioni e Caritas". Stanziati 600mila euro

Papa Benedetto XVI (Fonte SKy Tg 24)

Qualche minuto di raccoglimento in preghiera e poi la commozione di fronte alla statua della Madonna. Così è iniziata stamane la visita modenese di Papa Benedetto XVI. Atterrato poco prima delle 10.30 a San Marino di Carpi, il Santo Padre si è diretto a Rovereto di Novi per ricordare la figura di Don Ivan Martini, il sacerdote morto il maggio scorso a seguito del crollo di calcinacci della Chiesa di Santa Caterina di Alessandria. Proprio davanti alla facciata della Chiesa, il Pontefice si è fermato per lasciare una preghiera per il parroco scomparso e incontrare il fratello: "Quella è la statua che Don Ivan avrebbe voluto portare in salvo", ha spiegato a un Papa commosso per la testimonianza di Fede offerta dal sacerdote. In seguito, il bagno di folla: accompagnato dal capo della Protezione Civile Franco Gabrielli e dal segretario particolare Mons. Georg, Benedetto XVI è stato accolto da applausi scroscianti da circa 2mila persone assiepate sulle transenne già dalle prime ore della mattinata odierna.

RICOSTRUZIONE - Saluti di rito da parte delle autorità. Il Presidente della Regione Vasco Errani ha ricordato Don Ivan Martini definendolo come "testimone di un impegno e di una vicinanza spirituale vera della Chiesa verso chi ha meno e soffre” e ha assicurato “case prima dell'inverno, il tutto in trasparenza sconfiggendo sul nascere infiltrazioni criminali lavorando alla luce del sole con il governo nazionale a cui non chiediamo assistenza ma collaborazione”. Sentita l'accoglienza, e non poteva essere altrimenti, anche dal Cardinale di Bologna Carlo Caffarra: "Ci sono tante crepe nelle nostre case, nessuna nei nostri cuori", ha affermato volgendo lo sguardo alla statua della Madonna di Don Ivan.

CREPE - "I vostri cuori non hanno crepe, ma sono uniti nella Fede e nella Speranza", ha detto Papa Benedetto XVI riprendendo le parole di Caffarra. Il Pontefice ha ringraziato la comunità locale per l'accoglienza e ha riferito di essersi fin da subito interessato alle sorti dell'Emilia colpita del terremotato: "Avrei voluto visitare tutte le comunità colpite dal sisma, ma sapete quanto sarebe stato difficile - ha detto Joseph Ratzinger - in questo momento, vorrei sentiste come il cuore del Papa sia vicino al vostro per consolarvi, ma soprattutto per incoraggiarvi e sostenervi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SALDA ROCCIA - Ricorre ancora una volta il ricordo di Don Ivan: "Qui a Rovereto, nel crollo della Chiesa che ho appena visto, ha perso la vita Don Ivan Martini - ha aggiunto il Pontefice - Rendendo omaggio alla sua memoria, rivolgo un saluto a voi sacerdoti e confratelli". Il Papa ha citato il salmo 46 per incoraggiare le popolazioni colpite dal sisma: "Dio per noi è rifugio e fortezza, aiuto infallibile che si è mostrato alle angosce. Non temiamo se la terra trema e vacillano i monti. Queste parole non solo colpiscono per l'immagine del terremoto, ma per ciò che è il nostro atteggiamento interirore di fronte agli sconvolgimenti della natura, un atteggiamento di sicurezza data dalla roccia su cui poggiano i nostri piedi, Dio". Prima di incontrare una 50ina di persone terremotate e di ripartire per la Città del Vaticano, l'esortazione finale: "Non siete e non sarete soli - ha concluso Papa Bendetto XVI - La Chiesa vi è vicina con la preghiera e con l'aiuto concreto delle associazioni e della Caritas". Infatti, 600mila euro sono stati donati per le popolazioni colpite.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 luoghi in Appennino Modenese che non puoi non vedere

  • Via Emilia, giovane accoltellato in pieno centro storico

  • Venerdì sera, ritorna la movida. Multati sei locali del centro storico

  • Ritrova una busta con 1.150 euro e la consegna ai vigili, era l'incasso di un commerciante

  • Tragedia accanto allo scalo merci, muore schiacciato dalla propria auto

  • Contagio. In provincia 11 casi, di cui 6 asintomatici del focolaio di Carpi

Torna su
ModenaToday è in caricamento