Parco Amendola: demolite 13 sedute in cemento in riva al lago

Intervento resosi necessario a causa della progressiva erosione e inclinazione delle strutture in acqua fino, talvolta, a sprofondare nel laghetto: i tecnici hanno già provveduto alla sistemazione del terreno circostante

Demolite le sedute in cemento attorno al laghetto del Parco Amendola

Al Parco Amendola hanno fatto compagnia a generazioni intere di pescatori e di coppiette che li usavano come agevole base di appoggio per appartarsi in tranquillità alla sera, per prendere il sole di giorno o per un momento di relax con la lettura di qualche buon libro. Con il tempo e l'erosione del lago, le sedute in cemento hanno iniziato a inchinarsi e sprofondare in acqua creando disagi ai frequentatori del parco: la primavera scorsa, infatti, alcuni ragazzi si erano seduti su uno di questi piloni che, non reggendo il peso, ha giocato loro un tiro mancino regalando un bagno fuori programma.

Così, da oggi, i piloni di cemento in riva al lago principale del Parco Amendola saranno solo un ricordo: i tecnici comunali del Settore ambiente hanno concluso oggi i lavori di demolizione di 13 sedute collocate sulle rive del bacino idrico e hanno provveduto alla sistemazione del terreno circostante.

Costituite da tubi in cemento di varie dimensioni (da 80 a 200 centimetri), riempiti di sassi e chiusi con una caldana, le sedute non davano alcuna preoccupazione per quanto riguarda la sicurezza, "ma la progressiva inclinazione - spiega Simona Arletti, assessore comunale all'Ambiente - dava al visitatore la sensazione di una zona trascurata. Per questo, nei giorni scorsi abbiamo deciso l'intervento con la demolizione delle sedute e la risistemazione del terreno circostante".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Caratteristici del parco, progettato e realizzato agli inizi degli anni ‘80, i cilindri in cemento erano stati ideati per consentire ai frequentatori di sedersi a fianco dello specchio d'acqua. Nel corso degli anni, soprattutto il laghetto più grande, a causa di un graduale fenomeno di erosione, si è progressivamente allargato inglobando le sedute e causandone l'inclinazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19. Muore a soli 36 anni la delegata sindacale di Villa Margherita

  • E' positiva al virus ma esce in bicicletta, denunciata a Modena una 47enne

  • Famiglia senza più soldi, dopo l'annuncio in tv la spesa arriva a casa

  • Buoni spesa, a Modena fino a 500 euro a famiglia. Domande da lunedì

  • Coronavirus, in Emilia-Romagna 608 positivi e 75 decessi in più

  • Covid-19, da Modena lo studio per comprendere come funziona l’infezione 

Torna su
ModenaToday è in caricamento