San Cesario: la ciclabile va a sbattere contro la tangenziale di Castelfranco

Sabina Piccinini (Lista Civica): "Costata quasi 800mila euro, la ciclabile di via Viazza finisce dritto contro il cavalcavia della tangenziale presso la Graziosa"

Il sottopasso allagato

La tanto promossa Unione tra i Comuni di Castelfranco Emilia e San Cesario sul Panaro pare sia irraggiungibile. Eppure basterebbe un sottopasso per unirle. Non è un gioco di parole, in realtà il disagio nasce proprio dal ritardo di Castelfranco nel realizzare il collegamento diretto fra la ciclabile di via Viazza di San Cesario e la piscina di Castelfranco, attraverso proprio un “sottopasso che oggi si presenta perennemente allagato e dimenticato”.

La denuncia è di Sabina Piccinini, capogruppo di Lista Civica Nuovo San Cesario: “La ciclabile di via Viazza, costata quasi 800mila euro, doveva essere un grande esempio di mobilità sostenibile e condurre i sancesaresi senz’auto in sicurezza fino alla piscina di Castelfranco. La ciclabile è terminata ed ora i bambini sancesaresi hanno parecchio da pedalare, soprattutto in salita, perché il grande esempio di mobilità sostenibile dopo un piacevole tratto fra ciliegi, rane, anatre e cannucce di palude. Per raggiungere la piscina occorre risalirlo tutto, spesso in compagnia di camion, con tutte le problematiche di sicurezza ed inquinamento che ne derivano. Questo grazie a Castelfranco che non ha ancora realizzato il collegamento diretto fra la ciclabile di via Viazza e la piscina”.

 

I lavori dovevano concretizzarsi nel 2012 ma ad oggi nulla. La Piccinini ricorda anche altri ritardi di Castelfranco nei collegamenti con San Cesario: “Castelfranco è in ritardo anche con gli espropri per la ciclabile di via Solimei e non sembra proprio interessato alla ciclabile San Cesario-Piumazzo. Quasi tre anni fa presentammo al Comune di Castelfranco una proposta per l’istituzione di una fermata di Prontobus presso la piscina. Per la Direzione dell’Azienda per la Mobilità di Modena nessun problema, Castelfranco avrebbe dovuto semplicemente realizzare la fermata. Niente da fare, nemmeno quest’opera minima ci è dovuta”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Modena usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato il 16enne scomparso da Finale Emilia, sta bene

  • IQOS e sigarette elettroniche, presentato a Modena il primo studio sulla salute umana

  • Mirandola, in manette il datore di lavoro del 39enne violentato: "Vittima totalmente succube"

  • Morto a soli 37 anni Giuseppe Loschi, medico del Modena Fc

  • Muore sulla panchina del parco delle Rimembranze, inutili i soccorsi

  • Benefici delle piante grasse: 5 motivi per cui averle favorisce la salute

Torna su
ModenaToday è in caricamento