Presidio alla Fimar Carni: "Futuri compratori garantiscano occupazione"

A Solignano la protesta dei lavoratori insieme alla Cgil per chiedere garanzie. L'azienda è ferma da tre settimane, senza più commesse. A rischio 27 dipendenti e una trentina di lavoratori in appalto

Sono ormai venti giorni che, per mancanza di ordinativi, i reparti produttivi della Fimar Carni di Solignano di Castelvetro di Modena sono chiusi, con i lavoratori collocati in ferie forzate. Secondo la famiglia Fiandri, proprietaria dell’azienda, dal momento che nessun compratore sarebbe ad oggi disposto a subentrare nell’attività, si sta prospettando la soluzione più drastica, cioè la chiusura dell’azienda per cessazione dell’attività.

In seguito alle vicende legate alla revoca del concordato Parmacotto, la società ha subìto una contrazione dell'attività produttiva che ha reso necessaria una ristrutturazione aziendale che non ha però risolto i problemi di liquidità. Sono a rischio i posti di 27 lavoratori diretti e di un’altra trentina di lavoratori somministrati o in appalto.

La cessazione dell’attività, in seguito alle nuove disposizioni previste dal Decreto Legislativo n. 148 del 2015 (cosiddetto “Jobs Act”), non dà diritto ad alcun ammortizzatore sociale in costanza di rapporto di lavoro, quindi i lavoratori  sarebbero licenziati, percependo solo l’indennità di disoccupazione ordinaria, la “Naspi”, per un periodo massimo di 24 mesi.

“Un noto gruppo del settore carni ha manifestato interesse relativo agli impianti di Fimar Carni – dichiara Antonio Puzzello della Flai-Cgil di Vignola - A ogni possibile acquirente chiederemo di farsi carico anche del mantenimento degli attuali posti di lavoro. In mancanza della cassa integrazione straordinaria per cessazione dell’attività, cancellata dal Jobs Act, i lavoratori sono sempre più deboli di fronte a situazioni di crisi come questa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Flai/Cgil denuncerà questa situazione insieme ai lavoratori della Fimar nella mattinata di mercoledì 22 marzo durante un presidio davanti ai cancelli aziendali dalle ore 8.30 alle 12.30 e, nel pomeriggio stesso, durante l’incontro previsto con i Sindaci di Castelvetro di Modena e di Castelnuovo Rangone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 luoghi in Appennino Modenese che non puoi non vedere

  • Via Emilia, giovane accoltellato in pieno centro storico

  • Venerdì sera, ritorna la movida. Multati sei locali del centro storico

  • Ritrova una busta con 1.150 euro e la consegna ai vigili, era l'incasso di un commerciante

  • Tragedia accanto allo scalo merci, muore schiacciato dalla propria auto

  • Contagio. In provincia 11 casi, di cui 6 asintomatici del focolaio di Carpi

Torna su
ModenaToday è in caricamento