Picchiano e rapinano una prostituta e un trans, denunciati dalla Volante

Due giovanissimi sono stati rintracciati dalla polizia dopo una doppia aggressione e "incastrati" dai preservativi rubati. Il giorno dopo hanno poi colpito nel negozio Zara di via Emilia Centro

Due ragazzi di nazionalità marocchina si sono resi protagonisti di una serie di reati tra la notte di martedì ed il pomeriggio di ieri, che sono costati loro due denunce per rapina. Il primo fatto si riferisce alle 23.30 dell'8 gennaio, quando un transessuale ha chiesto l'intervento delle forze dell'ordine e del 118 dopo essere stato aggredito e derubato. E' accaduto in viale Monte Kosica, dove il cittadino rumeno si prostituiva: due ragazzi nordafricani lo hanno avvicinato e hanno attaccato bottone, salvo poi afferrare la sua borsa con il chiaro intento di rubarla.

Ne è nata una colluttazione durante la quale uno dei due ha colpito il trans con una testata, provocandogli una ferita all'arcata sopraciliare. Questi ha implorato che gli venissero restituite dalla borsa le chiavi di casa e così i due malviventi hanno fatto, gettandogliele prima di allontanarsi. All'arrivo della Polizia la vittima ha reso la sua testimonianza e una descrizione dettagliata degli aggressori, dando il via alle indagini da parte dei poliziotti. Gli stessi agenti hanno scoperto che anche una giovane prostituta rumena che esercitava poco distante era stata minacciata e schiaffeggiata dagli stessi soggetti.

Sono passate alcune ore prima che la Polizia riuscisse a trovare traccia dei fuggitivi, che sono ricomparsi a seguito di una segnalazione arrivata dal Bashaa Club di via Balbo, locale notturno frequentato prevalemente da immigrati marocchini. I due, ubriachi, erano infatti stati allontanati dal club in quanto molesti e si erano diretti lungo via Ramelli e via Pico della Mirandola in direzione della Stazione. Gli agenti li hanno bloccati nei pressi di Porta Nord e hanno potuto verificare che la loro descrizione corrispondeva a quella fornita dalle due vittime in viale Monte Kosica. In più, i due avevano in tasca i preservativi di una particolare marca rubati dalla borsetta del transessuale.

Dal momento che non esisteva più la flagranza del reato, i poliziotti non hanno potuto fare altro che denunciare a piede libero i due ragazzi, un 19enne residente a Modena e un 22enne di Reggio Emilia, entrambi regolari.

Sono però passate solo poche ore prima che i due marocchini colpissero di nuovo. Ieri pomeriggio, infatti, la Volante è intervenuta presso lo store Zara di via Emilia Centro, dove due giovani si erano resi protagonisti dell'ennesima rapina. Dopo aver tolto le placche antitaccheggio a diversi capi d'abbigliamento e indossato nuovi giacconi rubati, i due avevano tentato di uscire, scontrandosi con la guardia giurata. Uno aveva guadagnato la fuga dopo aver spintonato l'addetto alla sicurezza, mentre l'altro era stato bloccato. I poliziotti - casualmente gli stessi del turno della notte precedente - si erano così trovati di fronte al 22enne denunciato poche ore prima, che è stato sottoposto alla stessa trafila e poi nuovamente rilasciato con una denuncia per rapina impropria. Sono in corso indagini per rintracciare il fuggitivo.

Potrebbe interessarti

  • Le migliori osterie di Modena. Dove gustare la cucina tradizionale

  • Come pulire il box doccia in modo efficace

  • Le migliori piadinerie di Modena

  • Antigravity Pilates: come allenarsi e dove farlo a Modena

I più letti della settimana

  • Grandine e vento si abbattono su Modena, trenta feriti e molti danni

  • Disastro meteo su Modena, parte la conta dei danni. Trenta feriti lievi

  • Cade dal furgone in via Giardini, muore un operaio trentenne

  • Grandine in pianura, vigneti e campi di grano devastati

  • Furti con la tecnica dell'abbraccio, caccia ad una ladra a Carpi e dintorni

  • Viaggia con un'intera camera da letto sul tetto dell’auto, patente ritirata

Torna su
ModenaToday è in caricamento