Referendum in Grecia, cosa ne pensano i greci modenesi?

Il popolo greco si prepara ad un referendum con il quale sceglierà il proprio destino, tra un Sì a favore dell'Austerity ed un No per l'incertezza. Cosa ne pensano i greci modenesi della situazione nella loro patria? Ecco cosa ci hanno risposto

Il popolo greco si prepara a decidere del suo destino, in un referendum tra un Sì, che confermerà l'austerità europea, ed un No che impedirà alle richieste europee di essere attuate, permettendo al primo ministro Tsipras di presentare una controproposta. I telegiornali mostrano una Grecia spaccata nel voto, ma cosa ne pensano i greci che vivono a Modena? Abbiamo intervistato Nikolaos e Andreas, due greci che vivono nella città geminiana da 40 anni, e poi ci siamo confrontati anche con Athina, che invece sta vivendo la crisi direttamente dal paese ellenico. Ecco cosa ci hanno raccontato.

Come vivete questi momenti così tesi per la Grecia? Questi momenti li viviamo con ansia, ma anche con partecipazione. Si cerca di stare vicino alle persone care, ma anche a quelle che non conosciamo direttamente. E' una situazione di pericolo in cui la speranza viena a mancare. Crediamo che la questione Greca rappresenti tutte le sfide che la stessa UE deve affrontare a partire dal suo mercato interno. 

Che notizie avete dalla Grecia, c'è paura? Noi abbiamo una visione di un'isola, Corfù, che è diverso. I nostri parenti vivono là e alcune delle isole in generale non sono toccate dalle scene estreme viste in televisione, riguardanti soprattutto Salonicco ed Atene. 

Secondo voi Tsipras ha fatto bene a chiedere il referendum? Chiedere il referendum significa dare, così, l'ultima parola al popolo, e questa è un'opportunità e l'ennesima lezione di democrazia, parola di origine greca di cui soprattutto loro non si devono scordare. Può essere vista anche come un'azione spregiudicata, ma anche come opportunità. A patto però di riuscire a dimostrare maturità spirituale e responsabilità mancanti in Tsipras e al suo partito.

Cosa pensate dell'Unione Europea, è più un'opportunità o un problema? Questa scelta improvvisa ha indispettito tutti i capi dei paesi più ricchi dell'Unione Europea, con l'avanzamento di minacce da parte di Merkel ed Hollande. Quando ci sono problemi devono essere gestiti con più saggezza, e forse questo porterà i greci a votare il sì. Diverso è il discorso per l'Euro, la seconda valuta al mondo, ma la sua fiducia si sta esaurendo, dopotutto cos aci si può aspettare da un'unione monetaria che in 5 anni non è stata capace di superare la crisi del debito di un paese in cui non si produce neanche il 2% della sua potenza economica complessiva?

Perché la Grecia secondo voi non riesce ad uscire dalla crisi? Sicuramente tra le prime cause le manovre di aggiustamento dei conti, infatti se si prende ad esempio l'Irlanda, in quel caso ci sono stati tagli alla spesa prevenendo l'aumento delle tasse. In Grecia si è radicata l'austerità che ha ostacolato occupazione e crescita. Inoltre Tsipras sembra aver sottovalutato il danno che avrebbe causato trascinando per mesi i negoziati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Patente a punti. Come fare controllo e verifica del saldo

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Furto in casa a Vignola, setacciati i "compro oro" e denunciata una ragazza

  • Meteo | Un venerdì difficile tra pioggia, neve e rischio gelicidio

Torna su
ModenaToday è in caricamento