giovedì, 24 aprile 13℃

Polizia Municipale, Pighi: "Serve nuova disciplina della sicurezza urbana"

Redazione26 luglio 2012

Appello al ministro Cancellieri nell’incontro a Roma con i vertici del Forum italiano per accelerare i tempi della riforma della polizia locale. Il primo cittadino: “Siano valorizzati i contributi di Comuni e Regioni”

Comunicato Stampa

Nell’ultima fase della legislatura “è necessario portare a compimento la riforma della polizia locale e la nuova disciplina della sicurezza urbana integrata”. Lo ha sollecitato Giorgio Pighi, sindaco di Modena e presidente del Forum italiano per la sicurezza urbana, al ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri nell’incontro che si è svolto nella mattina di mercoledì 25 luglio a Roma e al quale hanno partecipato anche i componenti del consiglio direttivo del Forum.

“La riforma – ha spiegato Pighi – è indispensabile per sviluppare efficaci politiche locali di sicurezza integrata, il coordinamento degli strumenti delle ordinanze e dei regolamenti comunali, una nuova disciplina della polizia locale che ne aggiorni il ruolo e garantisca le possibilità operative, a partire dall’accesso alle banche dati da parte del personale autorizzato”. Il ministro e i dirigenti del ministero, aggiunge Pighi, “hanno sottolineato l’importanza dell’approvazione della nuova legge ponendo particolare attenzione a un punto da definire in modo più puntale nelle proposte in discussione rispetto alla dotazione di armi da parte della polizia locale”.

Nei prossimi giorni, annuncia Pighi, la presidenza del Forum chiederemo unj incontro ai senatori Giuliano Barbolini e Maurizio Saia, firmatari della proposta di legge, per approfondire le questioni aperte e sottolineare come l’urgenza “di dare soluzioni innovative a questo tema sia estremamente avvertita: se la priorità delle priorità è la crisi economica, non possiamo pensare che la sicurezza urbana non sia al centro degli interessi dei cittadini. Nell’affrontare questo tema è importante valorizzare i contributi dei Comuni e delle Regioni”.

Giorgio Pighi