Cinquanta studenti si danno appuntamento per una maxi rissa, arrivano i Carabinieri

L'intervento dei militari a Concordia s/S ha permesso di evitare quello che sembra configurarsi come un regolamento di conti tra ragazzini, tutti studenti di una stessa scuola

Un episodio singolare e dai contorni ancora non del tutto definiti si è verificato el pomeriggio di oggi a Concordia sulla Secchia, richiedendo l'intervento in forze dei carabinieri, giunti da Carpi e da tutti i paesi limitrofi con diverse pattuglie. Presso la stazione delle corriere in via per Mirandola, infatti, si è creato intorno alle ore 16 un assembramento di ragazzi: una cinquantina di giovani, accumunati tutti dalla frequenza presso la stessa scuola, l'Istituto Superiore "Galilei" di Mirandola. A quanto pare le loro intenzioni non erano per nulla cordiali, dal momento che si suppone che l'incontro fosse finalizzato ad un regolamento di conti per dissidi personali, con il rischio di trasformarsi in una maxi rissa.

Ii militari hanno identificato circa 45 minorenni - italiani, marocchini, pakistani, moldavi, tunisini, ivoriani - giunti dai comuni limitrofi di Mirandola, Novi di mMdena, Cavezzo e Medolla. La presenza e la mediazione degli uomini dell'Arma sono riusciti a dissuaderli dai peggiori propositi e a farli disperdere.

Dai primi accertamenti condotti è emerso che l’orario, il luogo di ritrovo e la finalità dell’appuntamento sarebbero stati convenuti attraverso il social network Instagram. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pota gli alberi accanto alla linea elettrica fingendosi un addetto Hera e intasca 1.300 euro

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Chirurgia protesica del ginocchio, importante premio per il sassolese Francesco Fiacchi

  • Locale sovraffollato, denunciati i gestori e sequestrato l'Oltrecafè

  • Blitz nell'ex ristorante La Fazenda, era diventato un rifugio per clandestini

  • Sanità. Lo screening prenatale NIPT diventerà gratuito per tutte le donne in gravidanza

Torna su
ModenaToday è in caricamento