A Sassuolo apre Aperistoro. Il lavoro come servizio passa dai ragazzi diversamente abili

La serata in cui questi ragazzi lavorano si chiama APERISTORO, e avverrà presso  Villa Giacobazzi domenica prossima, 26 giugno,  e sarà incentrata su un aperitivo di presentazione del progetto sociale alla base dell'attività

A Sassuolo viene dato l'avvio al progetto Officina Delle Idee Sassuolo Aps che ha visto la collaborazione di Anffas Sassuolo e Tsm-TuttoSiMuove, per creare un posto di lavoro ai ragazzi diversamente abili che le tre associazioni seguono nelle loro attività quotidiane. A guidare questa iniziativa è lo slogan "Un punto, un punto di partenza".

La serata in cui questi ragazzi lavorano si chiama APERISTORO, e avverrà presso  Villa Giacobazzi domenica prossima, 26 giugno,  e sarà incentrata su un aperitivo di presentazione del progetto sociale alla base dell'attività. Domenica gli organizzatori invitano tutti a partecipare all'inaugurazione che si svolgerà con un aperitivo dalle 18.30 fino alle 21, ci sarà un po' di musica di sottofondo e uno spazio bimbi oltre a qualche prelibetizza culianaria preparata solo per l'occasione dai ragazzi delle tre associazioni.

Qualche mese fa Officina delle Idee ha partecipato e si è aggiudicata un Bando di Interesse del Comune di Sassuolo per un punto ristoro, appunto, destinato ad associazioni di volontariato. "L'obiettivo di Officina delle Idee, Anffas e Tsm - spiegano gli organizzatori - è quello di promuovere l'integrazione di ragazzi "speciali" in attività di piccola ristorazione, infatti da qualche tempo i ragazzi seguono corsi di servizio bar e cucina".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Obiettivo del Comune era dotare l'area della Villa, nella quale nel corso dell'estate si susseguono numerose iniziative promosse dall'Amministrazione e delle associazioni locali, di un punto ristoro al servizio dei frequentatori del Parco. Un obiettivo che si è coniugato con la volontà di dare concretezza alla vocazione sociale e aggregativa della Villa e del Parco attivando modalità di collaborazione con soggetti che coniughino finalità culturali e aggregative dalla spiccata valenza sociale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Trafficante di cocaina reagisce all'arresto e punta la pistola in faccia ad un carabiniere

Torna su
ModenaToday è in caricamento