Sassuolo: Croce Rossa, ma quanto mi costi? La nuova convenzione fa arrabbiare il Pd

Sonia Pistoni porta il caso in consiglio comunale: a fare discutere sono i 346mila euro (+25% rispetto al 2012) destinati al comitato sassolese per l'espletamento dei servizi affidati non a personale volontaristico ma a dipendenti della CRI Sassuolo

Croce Rossa Sassuolo

Si allarga la questione del rinnovo della convenzione CRI con il Comune di Sassuolo per l’espletamento dei trasporti disabili e alunni nel comprensorio ceramico. È di oggi l’intervento del consigliere del Partito Democratico Sonia Pistoni che, a riguardo, si accoda alle proteste delle associazioni volontaristiche analoghe alla Croce Rossa e delle rimostranze di alcuni cittadini per un aumento notevole della convenzione che, rispetto al 2012, supera il 25%. Con la delibera n. 59/2013, infatti, il Comune di Sassuolo concede alla CRI con un affidamento diretto, tipico dei rapporti tra enti pubblici, la somma di € 346.920 per l’espletamento dei servizi affidati non a personale volontaristico ma a dipendenti della CRI Sassuolo.

Il consigliere Pistoni, attraverso una interrogazione, chiede per quale motivo, in un periodo in cui il Comune di Sassuolo si trova ad affrontare gravi difficoltà, con un bilancio che ha rischiato di essere respinto dal Consiglio Comunale e alle prese con le serie difficoltà di SGP, non batta ciglio nel ritoccare al rialzo una convenzione che il Comitato Locale CRI, a quanto pare, porta avanti sicuramente con professionalità e dedizione ma attraverso l’uso di un parco automezzi sempre più fatiscente.

Evidentemente tali rialzi mettono in mostra una difficoltà dello stesso Comitato a rinnovare il parco auto e nello stipendiare i dipendenti che svolgono il servizio. Sul territorio le rimostranze delle associazioni volontaristiche sono notevoli, anche perché un bando pubblico avrebbe potuto sicuramente offrire una buona occasione di risparmio per il Comune, consentendo una maggiore trasparenza nell’affidamento del servizio e una maggiore concorrenza sul piano qualitativo ed economico tra i numerosi soggetti presenti non solo a Sassuolo ma sull’intero distretto ceramico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cinque emiliani contagiati, Bonaccini: "Stiamo valutando chiusura di nidi, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Trema la pianura, scossa di terremoto MI 3.4 tra Modena e Reggio

  • Coronavirus. Tutte le scuole in Emilia-Romagna chiuse fino al 1 marzo

  • Due nuovi casi di contagio a Modena, ricoverati due famigliari del paziente carpigiano

  • Aggiornamento Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna. "Chi ha dubbi chiami il 118"

  • Coronavirus, cresce il numero dei contagiati. Casi anche a Sassuolo e Maranello

Torna su
ModenaToday è in caricamento