Premio di produzione insoddisfacente, sciopero all'International Paper

I lavoratori dello stabilomento di San Felice si sono fermati questa mattina per protestare contro la dirigenza aziendale e chiedere una rinegoziazione dei termini

Oggi sciopero di 2 ore, per ogni turno di lavoro, all’International Paper di San Felice sul Panaro, proclamato dalla Rsu contro il deludente premio di produzione 2016 erogato dall’azienda.  Le relazioni sindacali sono diventate tese e la Rsu, supportata da Slc/Cgil e Fistel/Cisl, ha dichiarato il 18 maggio scorso l’apertura dello stato di agitazione dei lavoratori e un pacchetto di 16 ore di sciopero in programma per le prossime settimane, da gestirsi di volta in volta a discrezione della stessa Rsu. 

La multinazionale, con sede a San Felice sul Panaro è leader mondiale nella produzione di carta e cartone con diversi stabilimenti in Italia e nel Mondo, e in provincia di Modena conta 180 addetti. 

Le azioni di lotta programmate, votate dai lavoratori in assemblea con 108 voti favorevoli e 2 astenuti, sono la conseguenza "dell’amara conclusione" delle trattative sul premio di produzione 2016, che non rende merito all’impegno e alla forza produttiva dello stabilimento. 
Le trattative, in corso dal mese di febbraio di quest’anno, hanno visto il susseguirsi di più tavoli di confronto sia con le Organizzazioni sindacali territoriali che con le segreterie nazionali di Slc/Cgil e Fistel/Cisl. 

"Dopo il verbale d’incontro firmato il 22 marzo – spiega Giulia Casmassima della Slc/Cgil -  nel quale l’azienda si riservava di fare delle valutazioni, per poi esporle a fine aprile, abbiamo appreso dai delegati che l’azienda, senza alcuna ulteriore notifica ai sindacati, ha deciso di non fare alcuna mossa per risolvere il disagio e la grossa delusione rappresentati dai lavoratori.” 

“I lavoratori ritengono l’approccio di questa azienda - spiega Edmund Agbettor della Fistel/Cisl - non solo inadeguato nei confronti delle relazioni industriali, ma soprattutto non rispettoso della forza produttiva di uno stabilimento, quello di San Felice, che non ha eguali nel confronto con altre realtà, in termini di produttività, disponibilità e presenza delle maestranze tutte”. 

“Non mettiamo in dubbio la validità di un accordo nazionale, come quello dell’International Paper Italia, ma affermiamo a gran voce che il meccanismo di questo premio non è funzionale ad incentivare ed incrementare la produttività – affermano i sindacalisti Slc e Fistel Casamassima ed Agbettor – altrimenti la multinazionale dovrebbe spiegarci come mai il sito più produttivo del gruppo (anche secondo i vertici dell’azienda) è uno dei fanalini di coda come premio di risultato raggiunto!” I lavoratori, insieme alle organizzazioni sindacali, hanno ritenuto di dover mettere in campo forti azioni di contrasto nei confronti di un atteggiamento che ci sembra oggi estremamente distante dalla volontà di trovare un punto d’incontro nell’interesse di tutti. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • IQOS e sigarette elettroniche, presentato a Modena il primo studio sulla salute umana

  • Ritrovato il 16enne scomparso da Finale Emilia, sta bene

  • Mirandola, in manette il datore di lavoro del 39enne violentato: "Vittima totalmente succube"

  • Morto a soli 37 anni Giuseppe Loschi, medico del Modena Fc

  • Muore sulla panchina del parco delle Rimembranze, inutili i soccorsi

  • Benefici delle piante grasse: 5 motivi per cui averle favorisce la salute

Torna su
ModenaToday è in caricamento