Venerdì sciopero dei metalmeccanici, per la trattativa Federmeccanica e Assistal

Dopo 7 mesi di trattativa, Federmeccanica e Assistal continuano a ribadire le posizioni del 22 dicembre scorso e impediscono l’avvio di un vero negoziato sul rinnovo del contratto nazionale metalmeccanici Federmeccanica

Dopo 7 mesi di trattativa, Federmeccanica e Assistal continuano a ribadire le posizioni del 22 dicembre scorso e impediscono l’avvio di un vero negoziato sul rinnovo del contratto nazionale metalmeccanici Federmeccanica. Per questo Fim, Fiom e Uilm proclamano 4 ore di sciopero venerdì 1°luglio per tutti i lavoratori a cui si applica il contratto nazionale Federmeccanica (le prime 4 ore per i normalisti, le ultime 4 ore per i turnisti). Sono previsti presidi organizzati dalle Rsu davanti alle proprie aziende, già dalle prime ore del mattino. 

Federmeccanica e Assistal a parole chiedono un rinnovamento, ma nei fatti vogliono cancellare il contratto nazionale mettendo in discussione contemporaneamente il modello contrattuale, che è stato fondato su due livelli negoziali, e il ruolo e il valore del Contratto nazionale quale reale strumento di tutela dei salari e dei diritti di tutti i lavoratori metalmeccanici. 

I sindacati spiegano che non vogliono riconoscere l’aumento salariale alla stragrande maggioranza della nostra categoria e vogliono cancellare il ruolo universale e solidale del contratto nazionale, puntando alla divisione tra i lavoratori. Di fronte a questa situazione le segreterie di Fim, Fiom e Uilm di Modena ritengono che sia necessario intensificare la mobilitazione con iniziative nei luoghi di lavoro e sul territorio. 

"I sindacati vogliono far cambiare idea alle controparti - sostengono Fim, Fiom e Uilm - e sostenere una vera trattativa utile a realizzare un contratto nazionale per tutte le lavoratrici e i lavoratori metalmeccanici. E’ nostra intenzione anche sensibilizzare le forze politiche locali sulla questione invitandoli ad un incontro previsto lunedì 4 lgulio alle 17.30 presso la sede Fiom Modena."

Quindi hanno concluso: "I metalmeccanici vogliono conquistare un contratto nazionale che garantisca il potere d’acquisto del salario per tutti i metalmeccanici; estenda la contrattazione di 2° livello su tutti gli aspetti che compongono la prestazione lavorativa; qualifichi le relazioni industriali, faccia ripartire gli investimenti, rilanci una vera politica industriale; migliori l’organizzazione e le condizioni di lavoro e tuteli tutte le forme di lavoro e l’occupazione; introduca nuovi diritti di formazione, welfare, partecipazione e valorizzazione delle professionalità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cinque emiliani contagiati, Bonaccini: "Stiamo valutando chiusura di nidi, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Trema la pianura, scossa di terremoto MI 3.4 tra Modena e Reggio

  • Aggiornamento Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna. "Chi ha dubbi chiami il 118"

  • Coronavirus. Tutte le scuole in Emilia-Romagna chiuse fino al 1 marzo

  • Coronavirus. Unimore sospende lezioni ed esami per tutta la settimana

  • La Regione alza l'argine contro il Coronavirus: a Piacenza scuole chiuse. Ma non c'è trasmissione autoctona

Torna su
ModenaToday è in caricamento