Formaldeide, l'ottimismo Ausl non contagia i lavoratori che scelgono lo sciopero

Prevista un'ora di sciopero degli iscritti Cgil, che non approvano l'atteggiamento ottimista dell'Ausl dopo che le analisi nei locali di Villa Fiorita hanno dimostrato una bassa concentrazione di sostanza inquinante

Sciopero di un’ora, l’ultima di ogni turno di lavoro, martedì 9 giugno dei dipendenti dell’Ausl di Modena assegnati al Distretto di Sassuolo che operano nella struttura ex Villa Fiorita sede del distretto sanitario. E' la protesta scelta dal sindacato Fp/Cgil, dopo un confronto con l'Azienda Usl alla luce della pubblicazione delle analisi sul caso formaldeide. Lo scorso 18 maggio l'azienda ha infatti comunicato la decisione assunta di non evacuare più i locali della struttura sanitaria contaminati da formaldeide, perché dagli ultimi campionamenti effettuati a fine marzo, risultano in calo i valori della sostanza e sotto la soglia di pericolosità. 

“I lavoratori e il sindacato non accettano questa lettura ottimistica e tranquillizzante. Innanzitutto, nell’incontro del 25 maggio i lavoratori non hanno trovato le risposte che si aspettavano e soprattutto si sono sentiti offesi nella loro dignità di professionisti sanitari che si devono occupare della salute dei cittadini e che hanno letto in modo formale e poco sostanziale, il confronto con i rappresentanti della direzione aziendale”, afferma Anna Paragliola della Fp/Cgil. 

Inoltre, anche se i valori di formaldeide sono in calo, per il sindacato l’Ausl è però responsabile di aver lasciato i lavoratori esposti per due anni alla sostanza. Ancora: “Se gli ambienti sono salubri e non ci sono pericoli per la salute, perché, nella stessa occasione l'Azienda ha comunicato lo spostamento di altri tre servizi per precauzione, oltre al trasferimento già completato in altri locali dei cosiddetti servizi (Neuropsichiatria Infantile, Psicologia Clinica, Consultorio Familiare, pediatria di Comunità) dedicati all’utenza più fragile?”.

Per “senso di responsabilità” i lavoratori di Villa Fiorita hanno scelto di mobilitarsi solo per un’ora, per non danneggiare i cittadini, ma senza rinunciare a lanciare un messaggio chiaro a quest'Azienda: “La dignità e la tranquillità di lavorare in un luogo sicuro non possono ritrovarsi – continua la sindacalista - non si materializzano solo  attraverso dichiarazioni verbali anche se di un pur stimabile dirigente”. Perché ai lavoratori non viene consegnata tutta la documentazione necessaria a chiarire quanto accaduto? Perché si è permesso che si continuasse a  lavorare nonostante i sintomi non solo dichiarati, ma certificati?”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Patente a punti. Come fare controllo e verifica del saldo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Furto in casa a Vignola, setacciati i "compro oro" e denunciata una ragazza

Torna su
ModenaToday è in caricamento