Scommetti che smetti, Dott. Bigarelli: "Come uscire dalla dipendenza da fumo"

Torna il concorso "Scommetti che smetti" per uscire dalla dipendenza da fumo giocando. Ecco l'intervista al dott. Massimo Bigarelli che spiega com'è possibile contrastare il fumo e tornare ad uno stile di vita sano

Dott. Massimo Bigarelli

Anche quest'anno le aziende Usl Policlinico di Modena propongono il concorso "Scommetti che smetti" rivolto ai fumatori maggiorenni, sia per chi fuma una sigaretta al giorno sia per chi finisce un intero pacchetto. L'obiettivo è promuovere uno stile di vita sano combattendo gli effetti negativi del fumo a tutti i livelli di dipendenza. Si tratta proprio di una scommessa tra il fumatore e la sua sigaretta, se per trenta giorni non fumerà potrà accedere ad un'estrazione che gli consentirà di vincere un premio. La scadenza è per i 2 Maggio sul sito scommettichesmetti.it .  Ce ne ha parlato il Dott. Massimo Biagarelli, Direttore sezione Dipendenze Patologiche dell'Azienda Usl di Modena:

Dottor Bigarelli qual'è oggi il grado di emergenza in Italia e a Modena legato al fumo? Questa iniziativa parte da un dato, cioè i 100 mila italiani che ogni anno muoiono per le conseguenze del fumo, in particolar modo per neoplasie, malattie respiratorie e cardiovascolari. Nella provincia di Modena il 30% degli adulti 18-69 anni fuma sigarette, cioè si parla di  oltre 142 mila persone. Un valore in linea con quello registrato a livello regionale (29%), un numero che vede leggermente più uomini (34%) e donne (25%). 

In cosa consiste il concorso? Vogliamo mettere il fumatore in condizione di fare una scommessa con sè stesso. Per trenta giorni non dovrà fumare, e se così sarà, dopo un accertamento, andrà tra i sorteggiati che potranno vincere un premio. Si tratta quindi di un gioco che ha l'obiettivo di promuovere uno stile di vita sano. Le iscrizioni sono aperte fino al 2 Maggio e i candidati dovranno non fumare almeno entro il 24 Maggio. Il concorso di concluderà con Sabato 6 Giugno mattina presso il centro commerciale La Rotonda, dove verranno estratti i vincitori del concorso che vinceranno il premio. 

Quest'anno avete ben 70 sponsors, cosa significa? Sicuramente che l'iniziativa è ormai un progetto grande e ben radicato sul territorio. Si tratta di una sinergia tra le aziende sanitarie ed enti pubblici e privati della società. Abbiamo tra gli sponsor sindacati, associazioni di categoria, organismi dei mass media e associazioni sportive, tra cui anche le squadre del Modena e del Carpi. 

Per chi dovesse perdersi il concorso? Ci sono sempre i corsi gratuiti per smettere di fumare presso i nostri 8 centri antifumo distribuiti nella Provincia di Modena. Si tratta di un percorso a gruppi della durata di 12 incontri, dove i fumatori apprendono tecniche per smettere. Inoltre è stata introdotta una via preferenziale per pazienti che hanno avuto infarti o patologie coronariche, creando una collaborazione con le cardiologie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Indagine sui prezzi nei supermercati: Esselunga e Coop si dividono la spesa online

  • Secchia e Panaro in piena, i ponti restano chiusi. Si contano i danni per gli allagamenti

  • Niente comizio in centro per Salvini. E le "sardine" si spostano in Piazza Grande

  • Il Panaro raggiunge livelli ciritici, chiude via Emilia. La situazione della viabilità

  • Salvini arriva a Modena, Anche sotto la Ghirlandina scatta la mobilitazione delle "sardine"

  • L'acqua filtra nelle cisterne, automobilisti in panne al distributore

Torna su
ModenaToday è in caricamento