Alessia scompare dopo la scuola, scattano le ricerche della 16enne di San Felice

Il padre di Alessia Pizzi ha lanciato l'allarme su Faceboook, divulgando la foto della figlia Alessia, di cui non si hanno più notizie dallo scorso 23 aprile. Scomparsa insieme al ragazzo

Alessia Pizzi, scomparsa da Modena

Dallo scorso 23 aprile, dopo essere uscita dall'Istituto Cattaneo di Modena, non si hanno più notizie della 16enne Alessia Pizzi, studentessa residente a San Felice sul Panaro. A lanciare un appello per le ricerche è stato il padre, che ha divulgato la foto (qui di fianco) della ragazza su Facebook, avvisando contemporaneamente le forze dell'ordine, che hanno attivato il protocollo di ricerca.

Grande apprensione a San Felice e tra i conoscenti della famiglia. La madre della ragazza ha comunicato, sempre sui social network , che Alessia aveva  pantaloni di tuta, felpa e scarpe Vans blu e aveva con sé uno zaino giallo fluo. Una delle ipotesi accreditate sarebbe una fuga "d'amore" insieme al giovane fidanzato, di origini rumene, che risulta a sua volta non più contattabile.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Ripuliva ogni giorno la cassa dell'ufficio comunale, ladra incastrata dalle telecamere

    • Politica

      Quanto "affonda" la Pianura Padana? La Regione chiede una nuova analisi

    • Cronaca

      Ticket automatico per l'ingresso, nuove regole al parcheggio del Policlinico

    • Cronaca

      Morane, auto completamente distrutta in un incendio

    I più letti della settimana

    • Cena per i bisognosi, apre il Refettorio Ghirlandina di Bottura e colleghi

    • Via Emilia, giovane attraversa la strada e viene travolto da un'auto

    • Ticket automatico per l'ingresso, nuove regole al parcheggio del Policlinico

    • Sequestrano una famiglia e rubano la cassaforte, caccia a quattro banditi

    • Curiosità Modenesi | Perché Pavullo si chiama così?

    • 80 nuovi letti elettrici al Policlinico per il reparto oncologico

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento