Conto corrente solidale, in provincia raccolti 80mila euro per il sisma

La solidarietà dei modenesi verso l'Italia centrale ha raggiunto una cifra considerevole. Donazioni ancora aperte

Ammontano a quasi 80 mila euro le risorse raccolte finora dalla Provincia di Modena con il conto corrente di solidarietà a favore delle popolazioni colpite dal sisma nell'Italia centrale. I fondi saranno utilizzati a sostegno delle iniziative delle Regione Emilia Romagna in particolare al ripristino della scuola del comune di Montegallo colpito dal sisma del 24 agosto.

Il conto corrente da utilizzare per le donazioni è tuttora aperto ed è intestato alla Provincia di Modena: IT 52 M 02008 12930 000003398693. E' importante  specificare la causale: azioni di solidarietà terremoto centro Italia. I versamenti raccolti finora provengono da singoli cittadini e da iniziative di solidarietà promosse da enti e associazioni su tutto il territorio provinciale.

I tecnici della Protezione civile del Centro unificato di Marzaglia, insieme ad diversi operatori messi a disposizione dei Comuni di S.Possidonio, Medolla e  S.Felice, proseguono in questi giorni l'attività nel comune di San Severino Marche, nell'ambito della colonna regionale, per svolgere attività di supporto al Comune, per il censimento dei danni e l'assistenza alla popolazione. La Regione Emilia Romagna, infatti, sta definendo un obiettivo di solidarietà a San Severino Marche, comune colpito dal secondo terremoto nell'Italia centrale del 26 ottobre.   
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Patente a punti. Come fare controllo e verifica del saldo

  • Furto in casa a Vignola, setacciati i "compro oro" e denunciata una ragazza

  • Sanità. Lo screening prenatale NIPT diventerà gratuito per tutte le donne in gravidanza

  • Contromano in Tangenziale, un agente salta in guardrail e lo blocca

  • Policlinico di Modena. Da Gennaio al via l'ambulatorio specializzato sulla paralisi facciale

Torna su
ModenaToday è in caricamento