Chiese e oratori, il punto sulla ricostruzione a quattro anni dal sisma

Solo 7 su 47 i lavori conclusi per quanto concerte le strutture diocesane danneggiate nel 2012. Come per altre opere pubbliche ha pesato molto la burocrazia legata alla lentezza della Soprintendenza

A quattro  anni dal sisma che ha cambiato per sempre la fisionomia della bassa Modenese, la Dicoesi di Modena-Nonantola fa il punto degli interventi per gli edifici di culto, le opere parrocchiali e le canoniche del nostro territorio realizzati nell'ultimo anno. L'ufficio  ricostruzione post sisma, organismo diocesano che segue l'iter degli interventi, dal momento che la diocesi è considerata a tutti  gli effetti stazione appaltante,  fotografa in questo modo la situazione, al 20 maggio.

"In merito ai lavori della ricostruzione per i danni del terremoto del 2012  - dice il Vicario Generale  mons. Giuliano Gazzetti - si è cercato con la massima sollecitudine di dare priorità alla riapertura delle chiese per  renderle agibili e unitamente provvedere al ripristino delle strutture parrocchiali dei centri più colpiti. Si è cercato innanzitutto di garantire ad ogni parrocchia di avere almeno un luogo in cui la comunità parrocchiale potesse celebrare la liturgia e svolgere le attività pastorali".

Sono 47 gli interventi relativi al Piano opere pubbliche 2013-14, con circa 40 milioni di euro erogati; di questi 12 sono con progettazione preliminare in corso; 21 con progettazione esecutiva in corso: 2 con bando di gara in corso di stesura: la chiesa di San Francesco a Modena e la chiesa di Sant’Egidio Abate a Cavezzo; 2 con procedura di gara per affidamento dei lavori: la chiesa di Cittanova;  e la chiesa di San Giorgio a Modena; 1 con lavori in corso, l'Abbazia di Nonantola.

I lavori conclusi  sono 7: la chiesa della Madonna delle Grazie di San Clemente; la chiesa di San Pietro Apostolo a Modena; la chiesa di San Lorenzo della Pioppa; San Pio X a Modena; l'oratorio Madonna del Bosco a Camposanto; l'oratorio di Sant’Anna a Cavezzo; e l'oratorio della Gaviola, a Disvetro di Cavezzo. Le chiese con lavori in corso relativi all’ordinanza 83/2012 (denominata 9 chiese) sono due, quella di Rivara e quella di Camposanto che sarà riaperta il prossimo  29 maggio,.Gli edifici aperti sono 16, 31 quelli ancora chiusi

Gli edifici in possesso dei requisiti di abitazione civile, come canoniche o appartamenti abitati, in accordo con la Struttura Tecnica del Commissario Delegato, sono stati spostati dal Piano opere pubbliche alla piattaforma MUDE, da cui ora ricevono direttamente il finanziamento). Sono per lo più canoniche (circa 19) su cui le parrocchie stesse procedono direttamente al ripristino dei danni in accordo con gli uffici diocesani.
Gli interventi relativi all’ordinanza 83/2012 (denominata 9 chiese) sono appunto 9, di cui 6 edifici aperti e 3 con lavori in corso: Rivara, Camposanto e Bomporto, dove si sono resi necessari ulteriori lavori a causa dell’alluvione del 2014.

Sono già stati stanziati altri 9 milioni di euro (ordinanza n. 11/2016) che permettono all’Arcidiocesi, con il Piano Annuale Beni Culturali 2015-16, di completare tutti gli interventi iniziati con il Piano precedente. I criteri della destinazione di questo stanziamento, come ci segnala l'Ufficio  ricostruzione, sono stabiliti nell'ordinanza stessa,validi per tutti  i beneficiari  degli stanziamenti e che tutelano tutti allo stesso modo; il rispetto  dei criteri  osservato in tutti i precedenti finanziamenti fa sì che la Diocesi possa accedere anche a queste ulteriori  erogazioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Rimane il problema della chiese “nane” (le chiese che hanno avuto crolli o lesioni superiori al 50%) dove si auspica un percorso condiviso con la Sovrintendenza e la Regione per decidere gli interventi più opportuni.  Il lavoro ci impegnerà ancora per diversi anni, ma ci sembra comunque doveroso fin d’ora ringraziare i sacerdoti e le loro comunità parrocchiali  e unitamente la Regione, la Sovrintendenza, le amministrazioni comunali e la protezione civile – conclude mons. Gazzetti – Non possiamo dimenticare infine che le parrocchie e i loro parroci sono state sul territorio una lodevole testimonianza di fede e speranza per tutti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 71 nuovi positivi, di cui 48 asintomatici. A Modena focolaio in un prosciuttificio

  • Covid. Altri 18 contagiati nel focolaio del salumificio di Castelnuovo

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Forno rumoroso in centro storico, sequestrati i locali per la produzione

Torna su
ModenaToday è in caricamento