Si cala per tre piani e toglie corrente alle celle, sventato tentativo d'evasione al Sant'Anna

Un detenuto ha tentato una creativa strategia di fuga, ma è stato bloccato dagli agenti. Lo rende noto il sindacato SAPPe

Si è calato per tre piani dal cavedio interno e ed è sceso nel sotterraneo. Qui ha manomesso il quadro elettrico, staccando i fili e togliendo così la corrente nelle sezioni detentive e nelle celle. Con sè un borsone contenente gli effetti personali e si era "armato" con un estintore.

E' quanto accaduto ieri sera presso il carecere di San'Anna a Modena, come riferito oggi dal sindacato SAPPe. Lo straniero protagonista di quello che a tutti gli effetti si configura come un tentativo di evasione ben pianificato è stato sorpreso nei sotterranei della struttura dagli agenti della Penitenziaria che, insieme ad un altro detenuto-lavoratore specializzato come elettricista, erano scesi nei locali tecnici per verificare come mai fosse saltata la luce. 

"È auspicabile che i vertici dell’istituto adottino idonee iniziative tese a ripristinare adeguate condizioni di sicurezza, al fine di evitare che lo stesso detenuto e altri possano compiere atti del genere", commentano Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del SAPPe e Francesco Campobasso, segretario nazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al parco Amendola, si allontana dalla casa di riposo e annega nel lago

  • Al supermercarto con il contenitore per alimenti portato da casa, a Modena si sperimenta

  • Lavoro nero, sospesa l'attività di una pizzeria di Maranello

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Scappa di casa a soli 10 anni, ritrovato in stazione in piena notte

  • Inceneritore e qualità dell'aria: "I rifiuti da fuori Modena inquinano come 100mila auto"

Torna su
ModenaToday è in caricamento