Terremoto, danni all'abitazione: arrivano 600 euro a famiglia

Massimo 600 euro al mese di controbuto per "l'autonoma sistemazione" e nel limite di 100 euro per ogni componente del nucleo familiare. Risorse aggiuntive per anziani e portatori di handicap

Il Prefetto Franco Gabrielli, capo della Protezione Civile

Alle famiglie la cui casa è stata distrutta o sgomberata saranno assegnati fino ad un massimo di 600 euro al mese un "per l'autonoma sistemazione" e, comunque, nel limite di 100 euro per ogni componente del nucleo familiare. Così un'ordinanza firmata dal capo della Protezione civile, Franco Gabrielli, pubblicata ieri in Gazzetta Ufficiale. Il provvedimento stanzia dieci milioni di euro per i primi interventi urgenti nelle province di Bologna, Modena, Ferrara e Mantova. Lo stato di emergenza dichiarato dal Governo durerà due mesi e si concluderà il prossimo 21 luglio. Alla scadenza del termine saranno le Regioni Emilia Romagna e Lombardia a provvedere, "ciascuna per la propria competenza, in via ordinaria, a coordinare gli interventi conseguenti all'evento finalizzati al superamento della situazione emergenziale in atto".

GOVERNO - È il decreto legge di riforma della Protezione civile a fissare in 60 giorni la durata degli stati di emergenza e, successivamente, sarà possibile poi una proroga per ulteriori 40 giorni. Ma il sottosegretario Antonio Catricalà, tre giorni fa in Parlamento, ha spiegato che il tetto dei 100 giorni non è tassativo, può essere superato in caso di gravi esigenze: sarà il Governo a valutare e decidere. È il Dipartimento della Protezione civile a coordinare gli interventi per fronteggiare l'emergenza ed i direttori dell'Agenzia regionale di protezione civile dell'Emilia Romagna e della Lombardia sono nominati responsabili dell'attuazione degli interventi di assistenza alla popolazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ABITAZIONI - Beneficeranno di interventi urgenti, stabilisce l'ordinanza, solo quegli edifici danneggiati che, se non vengono messi in sicurezza, possono "compromettere la pubblica incolumità o le operazioni di soccorso e di assistenza alla popolazione". Le abitazioni private e gli immobili pubblici che non rientrano in questa categoria, dunque, non godranno allo stato di interventi pubblici". Quanto al contributo alle famiglie, sarà al massimo di 200 euro al mese se il nucleo è composto da una sola persona. Inoltre, se in famiglia sono presenti "persone di età superiore a 65 anni, portatori di handicap, ovvero disabili con una percentuale di invalidità non inferiore al 67%, è concesso un contributo aggiuntivo di 200 mensili per ognuno dei soggetti sopra indicati". Il contributo resta valido fino alla verifica di agibilità dell'abitazione e, in ogni caso, non può sommarsi ad altre forme di assistenza. Dunque non viene concesso a chi è ospitato nei campi o negli alberghi. "I benefici economici di cui al presente articolo - è scritto infatti nell'ordinanza - sono concessi in alternativa ad ogni altra forma di sistemazione alloggiativa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venerdì sera, ritorna la movida. Multati sei locali del centro storico

  • Contagio. In provincia 11 casi, di cui 6 asintomatici del focolaio di Carpi

  • Perde il controllo della moto, 21enne muore sulla Nuova Estense

  • Coronavirus, un giorno da ricordare. Nessun nuovo caso e nessun decesso a Modena

  • Contagio, un nuovo caso a Modena. Deceduta una donna di Pavullo

  • Detenzione irregolare di armi, denunciati 17 modenesi durante le verifiche della Polizia

Torna su
ModenaToday è in caricamento