homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Terremoto, solidarietà autogestita: ecco come ci si aiuta fuori dai canali ufficiali

Non solo i campi della Protezione Civile: aiuti "anarchici" arrivano alle popolazioni terremotate della Bass anche dai volontari della Libera Officina di via del Tirassegno

Punto solidale autogestito (Fonte Vimeo: Black Cat)

Abitanti di casali isolati, famiglie che non hanno voluto lasciare la propria abitazione a costo di dormirci davanti, gruppi di vicini dei borghi più perduti nella Bassa: sono solo alcuni esempi delle persone che hanno deciso di non utilizzare le sistemazioni offerte da Protezione Civile e comuni, a costo di mantenersi a proprie spese e di non usufruire degli aiuti statali.

Per loro però è nata una rete di solidarietà, che ha come base la sede modenese di Libera Officina in via del Tirassegno, da cui partono quotidianamente furgoni carichi di generi di prima necessità e alimentari, consegnati casa per casa nelle località più sperdute, tra le famiglie più isolate. Questa validissima iniziativa, interamente gestita da volontari, è parallela all’assistenza statale, a cui non vuole sostituirsi ma di cui certamente, volontariamente o meno, segnala le pecche: in molti terremotati non hanno visto nemmeno l’ombra degli addetti alla Protezione Civile, per questa ragione hanno deciso di organizzarsi autonomamente. D’altronde non è difficile accorgersi che nei campi tendati la stragrande maggioranza degli ospiti è costituita da anziani ed extracomunitari, e pare anche che con l’andar dei giorni le condizioni igieniche delle tende stiano rapidamente peggiorando.

Insomma, per molti è preferibile stare nei dintorni della propria casa, vuoi perché è troppo difficile lasciarla, vuoi per monitorare personalmente la situazione. Per assisterli, i volontari di Libera Officina non solo consegnano generi di conforto, ma cercano soprattutto di mettere in contatto tra loro tutti i campi spontanei, in modo che, una volta che sarà finita la cosiddetta emergenza e le autorità lasceranno le nostre terre, i terremotati potranno tentare di rimediare insieme alla scia di distruzione che il sisma ha lasciato dietro di sé.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Sisma, gli Alpini modenesi già in marcia verso l'area terremotata

    • Cronaca

      Carpi, omicidio della disperazione. L'assassino pentito resta in carcere

    • Cronaca

      Finisce con il trattore nel canale di scolo, grave un 40enne

    • Cronaca

      Droni per la mappatura dell'amianto, 500 tetti individuati a Fiorano

    I più letti della settimana

    • Incidente mortale, donna in bicicletta investita e uccisa da un'auto

    • Vento fortissimo e grandine, molti danni a Castelnuovo e dintorni

    • Carambola fra due auto e un camion in Tangenziale, feriti i conducenti

    • Detenuti e poliziotti al Pronto Soccorso, ancora violenza in carcere

    • Investe una prostituta e fugge, straniero lo insegue e gli spacca il lunotto

    • Sisma, gli Alpini modenesi già in marcia verso l'area terremotata

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento