Truffa della legna a domicilio, denunciato dopo due consegne a Pavullo

Un giovane foggiano è stato riconosciuto come l'autore di due truffe ad altrettanti cittadini pavullesi. Annunci su Facebook con una pagina fasulla

Dopo lunghe indagini, confrontando anche i tanti casi riscontrati su tutto il territorio nazionale, i carabinieri di Pavullo sono venuti a capo di un doppio caso di truffa compiuto ai danni di due residenti. Si tratta del fenomeno abbastanza noto della consegna di legna da ardere a domicilio sponsorizzata tramite Facebook, che si traduce in una vendita di materiale non conforme agli accordi, tale da far incassare ai venditori più denaro di quanto in realtà vale la legna.

I due casi di Pavullo si riferiscono al 20 e al 30 ottobre dello scorso anno, quando due cittadini si erano visti recapitare circa 25 quintali di legno di faggio, a fronte di una richiesta (e del pagamento) per 60 quintali di quercia: una differenza molto significativa sia in peso che in valore dell'essenza, per un costo complessivo di 1.200 euro.

I militari hanno individuato un 29enne originario di Cerignola (FG) come responsabile della truffa. Il giovane, pregiudicato, era già noto per molti casi simili, finito anche al centro di un'inchiesta di Striscia la Notizia. La promozione avveniva come detto sul noto social network, sfruttando la pagina creata ad arte e recante il nome di un'azienda realmente esistente ma estranea alla vicenda e inconsapevole.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In balia della corrente sul materassino, due ragazzi modenesi salvati in Salento

  • Auto nel fosso, grave una coppia incastrata nel veicolo capottato

  • Turista multato per l'accesso in Ztl, arriva alla Municipale un assegno dalle Hawaii

  • Lieve scossa di terremoto sull'Appennino modenese

  • Gli eventi da non perdere a Ferragosto a Modena e provincia

  • Esce di strada con l'auto, morto un 59enne a Manzolino

Torna su
ModenaToday è in caricamento