Truffa internazionale con lo 'schema Ponzi', smascherata una società modenese

Sei arresti e quaranta indagati, tra cui due modenesi: riciclaggio e truffa per 34 milioni di euro

Una complessa inchiesta su riciclaggio e truffa, denominata Crowd Funding e partita da Como, ha consentito di arrestare 6 persone e di indagarne 40 accusate tutte a vario titolo di avere partecipato a un'associazione a delinquere per appropriarsi dei soldi di ignari risparm.iatori attraverso il cosiddetto schema Ponzi. Le indagini sono scaturite in occasione dell'inchiesta sull'omicidio dell'architetto Alfio Molteni a Carugo. Gli inquirenti in quell'occasione si sono imbattuti in alcuni contatti tra uno dei mandanti dell'omicidio e una società finanziaria estera.

Si tratta di una fitta rete di promotori finanziari che sul territorio italiano proponevano interessanti investimenti con una rendita fino al 3% a semestre. Tra le persone indagate anche due modensi. Le vittime predilette erano piccoli e medi imprenditori che desideravano investire denaro contante, probabilmente frutto di guadagni in nero.

Ai vertici dello schema Ponzi c'erano tre società finanziarie del Lussembrugo, Austria e Cipro (W&H Consulting SA, M.g.A. Consulting Gmbh e Larfer Itd) con basi in Italia, ad Avellino e appunto a Modena.

Gli operatori finanziari operavano tutti in barba alle regole imposte dalla Consob. Avvalendosi spesso della fiducia conquistata negli anni precedenti presso i loro clienti (leggasi vittime) erano riusciti a fare sottoscrivere contratti di investimento di diverse decine di migliaia di euro per ciascun risparmiatore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre questa associaizone a delinquere, smantellata grazie alle indagine della Guardi di Finanza coordinate dalla Procura della Repubblica di Como, consentiva anche il riciclaggio o l'autoreciclaggio. Si stima un giro d'affari tra truffe e reciclaggio di circa 34 milioni di euro, pari al valore dei beni sottoposti a sequestro preventivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Nubifragio e allagamenti, disagi lungo la Pedemontana per gli smottamenti

Torna su
ModenaToday è in caricamento